Monopattini e bici per i cittadini in 13 piazze di Lanciano: iniziativa del Comune
GUARDA LE FOTO

Mobilità sostenibile e alternativa e riduzione dell’impatto dei gas di scarico: questi gli obiettivi.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

Ed ecco monopattini a propulsione elettrica e biciclette a pedalata assistita che cominciano a fare capolino in diverse zone del centro di Lanciano (Ch) e, per la prima volta, anche in alcune contrade. Mezzi elettrici messi a disposizione dal Comune per gli spostamenti.

“E’ una sperimentazione al nastro di partenza, della durata di un anno  - dice l’assessore alla Transizione ecologica, Tonia Paolucci - e, in base al risultato, decideremo se e come portarla avanti”. In questi giorni l’organizzazione e l’allestimento delle “stazioni” dove trenta monopattini ed altrettante e-bike stanno prendendo posto. “E’ un’iniziativa - aggiunge Paolo Bomba, assessore a Mobilità e traffico - che abbiamo inserito nel nostro programma amministrativo e che adesso stiamo attuando. Avviarla in estate è l'ideale...".

Era il 2013 quando l'allora giunta guidata dal sindaco Mario Pupillo attivò gli bike sharing. Ma finì in malo modo, con le bici irrimediabilmente danneggiate o sparite. Adesso il servizio viene riproposto, in maniera diversa, a costo zero per il Comune. "Vogliamo testarne l'andamento ed acquisire dati, studiare la risposta dei cittadini, in modo da individuare la maniera per proseguire a lungo termine, senza spese per le casse pubbliche", riprende Paolucci e spiega: "In questi mesi ci sono pervenute proposte da diverse società del settore. Dopo averle valutate abbiamo contattato la Figorent srl di Roma che gestirà direttamente il servizio. Che sarà "point to point", ossia l'utente ha la possibilità di terminare le corse solo nelle aree designate, in modo da evitare che i mezzi vengano lasciati in luoghi non idonei. Ci saranno l'assistenza h24 attraverso un call center e una sola app per monopattini e bici".

Ci saranno telecamere nei 13 punti dove i mezzi saranno parcheggiati, ossia piazza Pace, piazza Camillo dell'Arciprete (la vecchia stazione); via del Mare, presso la chiesa di Olmo di Riccio; piazza Frassati, contrada Marcinese, contrada Villa Andreoli, piazza Giovanni Paolo II, piazza Unità d'Italia, piazza Cuonzo, piazza Garibaldi, parcheggio di Via Milano e piazzale della Stazione nuova. Si parte con tre zone sorvegliate, per poi estendere il controllo ai vari luoghi interessati. La ditta regalerà al Comune una bici, che diventerà di proprietà, e si occuperà dell'assistenza e dei vari problemi che potrebbero sorgere. Il servizio non sarà gratuito: si pagherà da 2 euro ad ora. "E' un notevole passo avanti - conclude Bomba - che ci chiede l'ambiente e che ci chiede l'Europa". 11 ago. 2022

SERENA GIANNICO

@RIPRODUZIONE VIETATA

Foto ANDREA FRANCO COLACIOPPO

totale visualizzazioni: 2135

Condividi l'Articolo