Fossacesia. All'abbazia di San Giovanni in Venere montascale inservibile e disabili penalizzati
GUARDA LE FOTO

Un anziano in carrozzella trasportato da un familiare nell’abbazia di San Giovanni in Venere lungo la gradinata, con estrema difficoltà, nonostante la presenza a pochi metri di distanza di un montascale, mai entrato in funzione.

Una scena avvilente che mostra il palese e totale disinteresse delle istituzioni. A distanza di quasi tre anni, il montascale, installato alla Provincia di Chieti e costato 50mila euro, è ancora lì, immobile, inservibile, mentre molti disabili  restano incredibilmente fuori dalla chiesa, non possono partecipare alle funzioni religiose o semplicemente far visita al monumento.

E' una situazione di vergognosa inciviltà da parte delle autorità coinvolte, che continuano a fare orecchi da mercante e a non spiegare nemmeno i motivi per i quali non mettono in funzione il servoscala, nonostante le ripetute proteste. 

Quel montascale inutilizzabile, tra l’altro di forte impatto rispetto ai luoghi in cui è stato piazzato, sembra una sorta di presa in giro perché, con molta probabilità, non entrerà mai in funzione, come è già successo con il suo predecessore, installato diversi anni fa per consentire l’accesso alla cripta.

La soluzione più idonea, per risolvere il problema, resta comunque quella della creazione definitiva, al di sotto del sagrato, di una semplice, pratica e funzionale rampa non automatizzata.

Da decenni vige la legge sull'abbattimento delle barriere architettoniche, ma continua ad essere snobbata. 09 ago. 2022

VITO SBROCCHI

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1225

Condividi l'Articolo