I camper dell'azienda Trigano Van con sede a Paglieta (Ch) "salgono" sui treni della Sangritana Cargo, azienda regionale abruzzese che si occupa di trasporto merci su rotaia.

Essa, per la prima volta, è main contractor di una nuova commessa internazionale. La Trigano, multinazionale francese leader in Europa nel settore della produzione dell'autocaravan, tramite la tedesca Ars Altmann, ha  infatti affidato a Sangritana il trasporto, fino al terminal di Gross Gerau, in Germania, passando per l'Austria, dei camper che realizza, su furgoni Ducato della  Sevel, in Val di Sangro (Ch), dove ha un fiorente stabilimento con 450 dipendenti.

Il nuovo servizio è stato presentato a Lanciano (Ch) dall'amministratore unico di Sangritana Spa, Pasquale Di Nardo, alla presenza del presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio; del presidente dell'azienda regionale di trasporto Tua, Gianfranco Giuliante; del presidente di Captrain Italia, Mauro Pessano e del direttore generale di Trigano, Giancarlo Finizio. "Abbiamo lavorato con tenacia e passione - dice Di Nardo - per raggiungere questo obiettivo, motivo di orgoglio. Sangritana Spa - fa presente - è una società che offre, al mercato, servizi commerciali e che non beneficia di alcun contributo pubblico. L'aver acquisito commesse e credibilità a livello internazionale premia tutti gli sforzi fatti".

"Nonostante la pandemia e la crisi dell'auto - aggiunge - la divisione Sangritana Cargo va in controtendenza, facendo registrare un fatturato che dai 5.3 milioni del 2019 è salito a 7,9 milioni nel 2020 (+49%), con previsioni di fatturato di 9,4 milioni per il 2021". "Un'esperienza -afferma Marsilio - che ci fa fare un salto di qualità e progettare il futuro dell'Abruzzo nel settore trasporti, anche per invogliare altre aziende a venire da noi sapendo che offriamo servizi qualificati e infrastrutture adeguate. Sul territorio  trovano anche competenze, professionalità e chi distribuisce i loro prodotti nel mondo. L'Abruzzo - aggiunge - , con un +12 per cento, è la prima regione in Italia per crescita delle esportazioni nella ripresa post pandemia da Covid-19". Il trasporto su ferro aiuta anche l'ambiente: esso consentirà anche di ridurre l'anidride carbonica di 14,4 tonnellate per ogni viaggio e annualmente di 691,2.   18 giu. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

Video a cura di Serena Giannico e Massimiliano Brutti

totale visualizzazioni: 1929

Condividi l'Articolo