Falciato mentre è in moto: muore in un incidente a Casoli  giovane di Tornareccio
GUARDA LE FOTO

E' stato falciato e ucciso da un'auto mentre, tornando dal lavoro verso casa, era sulla propria motocicletta.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie per distributori e uffici

Apri

E' morto così, ieri sera, a Casoli (Ch), Cristian Carozza (nella foto), 34 anni, di Tornareccio (Ch). L'incidente intorno alle 22.30.

Il giovane, dipendente del pastificio De Cecco di Fara San Martino (Ch), aveva da poco terminato il turno nell'azienda alimentare e staccato. Era alla guida della sua Harley Davidson e viaggiava sulla stada provinciale 95, all'altezza della frazione di Cipollaro, quando, mentre stava per entrare al distributore Eni, è stato speronato violentemente da Fiat Punto. La macchina aveva appena superato un paio di vetture ed era ancora in fase di sorpasso quando si è trovata davanti la moto, che non è riuscita a schivare. L'ha tamponata e il due ruote è schizzato sull'asfalto, con il conducente sbalzato dal mezzo che è volato lontando una trentina di metri. 

Sulla via c'è il limite di velocità a 70 km orari e linea continua, con divieto di sorpasso. 

Sul posto i soccorritori del 118, con l'ambulanza, ma per il centauro, che è deceduto subito, per una serie di traumi,nonostante indossasse il casco, non c'è stato nulla da fare. Intervenuti i carabinieri per i rilievi di legge e i vigili del fuoco di Casoli per la rimozione di un palo.

"Una tragedia immane - commenta il sindaco di Tornareccio (Ch), Nicola Iannone a cui è toccato il compito di informare i familiari dell'accaduto -. Lo conoscevo bene, abitava a qualche centinaio di metri da casa mia, nella zona di San Giovanni. La comunità è sconvolta. Un dolore immenso: era un ragazzo esemplare. Un altro lutto per questa famiglia: solo quattro mesi fa, per le complicanze di un piccolo intervento chirurgico in ospedale a Vasto (Ch), era deceduto, prematuramente, il padre Gabriele. Ora quest'altro, inatteso, dramma".

Cristian lascia la mamma Maria e il fratello Tony.

La Procura di Lanciano (Ch) ha sequestrato i mezzi. Ha inoltre disposto l’autopsia e aperto un fascicolo penale per omicidio stradale nei confronti del conducente della Punto, O.M., 22 anni, di Casoli. 08 giu. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 19620

Condividi l'Articolo