Lanciano. Durante visita medica picchia personale Pronto soccorso

Far west al Pronto soccorso dell’ospedale di Lanciano  (Ch) dove la scorsa notte un paziente di 20 anni ha dato in escandescenza e ha aggredito il  personale sanitario.

Ha poi ha menato ad un poliziotto e, infine, per lui è scattato l’arresto per resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento.

Il ragazzo era stato accompagnato al "Renzetti" per un malore che lo aveva colpito, anche con rischio di svenimento, e mentre veniva visitato ha avuto una violenta reazione. Protagonista dell’infuocata visita è stato  D.T., 20 anni, di Sant’Eusanio del Sangro (Ch), che è finito ai domiciliari su disposizione del pm della Procura di Lanciano, Francesco Carusi.

Tutto è accaduto mentre il personale lo stava visitando per capire quale fosse il suo problema, o se avesse ingerito sostanze che gli hanno fatto male, quando improvvisamente il giovane ha reagito contro di loro. Botte a medici e infermieri e oggetti scagliati qui e lì.

La polizia, immediatamente allertata, è arrivata e quando la pattuglia è entrata nella struttura sanitaria, aggressione anche per gli agenti. Un poliziotto è stato colpito da un brutale pugno alla tempia, che lo ha tramortito, riportando una prognosi di 10 giorni. Per il tumultuoso paziente è scattato l’arresto poi è stato riportato a casa in attesa dell’udienza di convalida. Non è la prima volta che al Pronto soccorso, spesso posto di frontiera, si registrano violenze simili. 15 set. 2021

Walter Berghella

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 8399

Condividi l'Articolo