Fossacesia. Rifiuti a San Giovanni in Venere: 70 studenti per la pulizia
GUARDA LE FOTO

Rifiuti di plastica, vetro, legno e imballaggi. Dai più piccoli grandi azioni di civiltà. Ci hanno pensato circa 70 alunni di quattro classi della scuola secondaria di primo grado dell’istituto "Polidori" di Fossacesia (Ch), che con cappellino in testa, pettorina gialla, guanti e tanti sorrisi, hanno ripulito l’area antistante l’abbazia di San Giovanni in Venere.

Accompagnati dai loro docenti hanno preso parte attiva all’iniziativa dell’amministrazione comunale e di Legambiente "Puliamo il mondo". "È sempre più necessario assumere comportamenti di cittadinanza attiva difendendo, rispettando e facendo rispettare l’ambiente in cui viviamo", ha dichiarato Paola Marrollo di Legambiente Lanciano.

"Questa giornata all’abbazia di San Giovanni in Venere abbraccia il week end di ‘Salvalarte’, la nostra campagna dedicata alla tutela del patrimonio culturale. Un bene comune dal valore inestimabile che costituisce una leva per lo sviluppo culturale, sociale, ed economico della Costa dei Trabocchi e dell’intero Abruzzo", dichiara Giuseppe Di Marco, presidente regionale Legambiente.

Alla manifestazione hanno partecipato il sindaco Enrico Di Giuseppantonio; il presidente della EcoLan, Massimo Ranieri; i volontari di Legambiente Lanciano; Umberto Petrosemolo consigliere delegato alle politiche per lo sviluppo sostenibile; Alberto Marrone, consigliere delegato alle tematiche relative all’Agricoltura; Carmine Annecchini, il capo squadra per Fossacesia di EcoLan e ispettori ambientali di Fossacesia.

"Gli studenti – dichiara Di Giuseppantonio - si sono impegnati al massimo nelle operazioni di pulizia delle aree adiacenti l’abbazia benedettina ed hanno partecipato attivamente anche al confronto che abbiamo avuto con loro".

Ranieri, presidente di EcoLan: "I ragazzi della media di Fossacesia hanno raccolto intorno all’abbazia oltre 40 chili di rifiuti , in particolare imballaggi in plastica, vetro e legno, tutti materiali che potevano essere gestiti attraverso la raccolta porta a porta anziché essere abbandonati in un territorio unico e delicatissimo dal punto di vista ambientale come quello del parco di San Giovanni in Venere". 03 dic. 2022

ALESSANDRO DI MATTEO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 711

Condividi l'Articolo