Coronavirus. Diciannove nuovi contagiati in Abruzzo, 16 sono migranti. Regione contro Governo

Diciannove nuovi casi di coronavirus accertati in Abruzzo con i test delle ultime ore. E' il dato più alto registrato dallo scorso 29 maggio, giorno del primo azzeramento dei contagi.

Sedici infetti sono migranti ospitati nel Centro di accoglienza di Gissi (Chieti), di cui ha dato notizia ieri pomeriggio il governatore Marco Marsilio.

Il totale dei pazienti affetti da Covid-19 sale a 3.420. I guariti sono 2.808. Nessun decesso recente: il bilancio delle vittime resta fermo a 472. Attualmente i positivi, in aumento di 15 unità rispetto a ieri, sono 140: 19 pazienti (+1) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva, uno (invariato) è in terapia intensiva e 120 (+14) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Dei positivi, 260 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila, 845 in provincia di Chieti (+1), 1.631 in provincia di Pescara (+2), 641 in provincia di Teramo e 27 fuori regione, mentre per 16 sono in corso verifiche sulla provenienza. Dall'inizio dell'emergenza sono stati eseguiti complessivamente 132.316 test. 

Intanto il sindaco de L'Aquila, Pierluigi Biondi, annuncia che ci sono due nuovi contagiati anche tra i migranti ospitati nel capoluogo d'Abruzzo. 

E la Commissione consiliare speciale del Consiglio regionale su Immigrazione e Lavoro sommerso è stata convocata, in seduta straordinaria e urgente, per venerdì 7 agosto, alle ore 10, all'Emiciclo a L'Aquila, per l'audizione dei sindaci di L'aquila, Civita d'Antino (Aq), Canistro (Aq), Gissi (Ch), Civitella del Tronto e Moscufo, entrambi in provincia di Teramo, in merito alla gestione immigrati presso i Cas in Abruzzo. La convocazione segue la polemica degli amministratori a cui sono stati assegnati migranti sbarcati in Sicilia a Lampedusa.

Ieri Marsilio, di Fratelli d'Italia, ha accusato il Governo nazionale di irresponsabilità per l'invio di migranti risultati positivi, mentre l'assessore regionale alla Salute, Nicoletta Verì, della Lega, ha denunciato che il 30 per cento dei migranti giunti in Abruzzo sono contagiati.

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1330

Condividi l'Articolo