Maltempo. Vento forte, a Pescara in tre ricoverati in prognosi riservata
GUARDA LE FOTO

In tre sono in prognosi riservata, ricoverati all'ospedale di Pescara, a causa del maltempo.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

A darne notizia la Prefettura di Pescara che, in una nota, parla di "tre persone ricoverate in codice rosso ed un'altra in codice verde" a causa del forte vento di oggi, che ha sferzato la città adriatica. 

I feriti hanno riportato tutti un trauma cranico: due sono caduti a terra per le violentissime raffiche di vento, sbattendo la testa sull'asfalto; una terza è stata colpita al capo mentre era intenta a chiudere una palma sul lungomare.

A Pescara il sindaco Carlo Masci, ha raccomandato ai cittadini di non uscire da casa e dalla mattinata ha vietato l'ingresso in parchi, cimiteri, riserve. Chiuso pure il lungomare.

Quattordici lgli alberi caduti su tutto territorio comunale, lil più grande un pino in viale Regina Margherita. E' crollato su quattro auto parcheggiate. 

"Nel corso del pomeriggio odierno in poche ore sono state gestite centinaia di telefonate da parte di cittadini ai centralini delle forze dell'ordine e dei vigili del fuoco ed effettuati numerosi interventi da parte di tutte le componenti del Centro coordinamento soccorsi (Ccs)  convocato in relazione ai forti venti di burrasca che hanno interessato la città e la provincia di Pescara". Così il comunicato della Prefettura, che aggiunge: "In particolare - scrive - sono stati effettuati i seguenti interventi: Vigili del fuoco 40; Polizia di Stato 5; Carabinieri 39 in tutta la provincia; Polizia municipale di Pescara 23; Capitaneria di Porto, due interventi di soccorso in mare; Polizia municipale di Montesilvano 15. La Polizia stradale ha monitorato gli assi viari di competenza ed effettuato cinque interventi. Alcuni interventi - conclude la Prefettura - sono ancora in corso al fine di ricondurre la situazione alla completa normalità". 17 set. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 2222

Condividi l'Articolo