Che tempo fa in Abruzzo. Pescara, due giorni da bollino rosso. Allerta dal ministero della Salute

Pescara subirà un'impennata di calore nei prossimi due giorni. Già oggi le temperature sono state molto elevate con la classificazione da bollino arancione da parte del ministero della Salute. Ma da domani è bollino rosso.

 Questo inizio di settimana sarà caratterizzato dalla presenza di annuvolamenti su gran parte delle regioni centro-meridionali, a causa del transito di una perturbazione atlantica che, nelle prossime ore, lambirà le regioni settentrionali e da un lato favorirà annuvolamenti (con possibili precipitazioni miste a sabbia) e temperature molto levate al centro-sud, dall'altro determinerà lo sviluppo di temporali di notevole intensità sulle regioni settentrionali e sulla Pianura Padana centro-orientale dove, nelle prossime ore, c'è il rischio concreto di nubifragi, intense grandinate e persino di tornado. 

 Martedì 27 e mercoledì 28 luglio la situazione peggiorerà. Pescara infatti sarà da bollino rosso con allerta 3 (livello più elevato che indica condizioni di emergenza). Domani saranno queste le temperature: 27 gradi (ore 8), 32 gradi (ore 14) e 35 gradi di temperatura massima percepita. Mercoledì invece 26 gradi (ore 8), 33 gradi (ore 14) e 36 gradi di temperatura massima percepita. Il bollino rosso indica un'ondata di calore e condizioni a elevato rischio che persistono per 3 o più giorni consecutivi con allerta dei servizi sociali e sanitari. 

In Abruzzo si prevedono condizioni generali di cielo nuvoloso o molto nuvoloso con temperature molto elevate, in particolare sul settore centro-orientale e possibili precipitazioni sparse, miste a sabbia. Probabile Garbino sulle zone pedecollinari e nelle principali valli che si affacciano sul versante adriatico, con temperature che potranno raggiungere i +36°C/+39°C, specie in Val Pescara e in Val di Sagro. Caldo intenso anche nei prossimi giorni, probabilmente fino alla fine della settimana. 

Le regioni centrali continueranno ad essere interessate dal transito di corpi nuvolosi provenienti dal Mediterraneo occidentale e dalle regioni nord-africane, a causa della risalita di masse d'aria molto calda che determineranno un ulteriore aumento delle temperature, annuvolamenti e possibili precipitazioni, miste a sabbia. La nuvolosità continuerà ad interessare le regioni centrali anche nella giornata di martedì e si attenuerà dal pomeriggio-sera, mentre successivamente, alla base dei dati attuali, sulle regioni centro-meridionali continueranno ad affluire masse d'aria molto calda che manterranno le temperature decisamente al disopra delle medie stagionali almeno fino alla giornata di sabato. 26 lug. 2021

 @RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 786

Condividi l'Articolo