Che tempo fa in Abruzzo. Allerta meteo della Protezione civile. Neve, disagi nel Teramano

Il Paese sta per essere investito da una importante ondata di maltempo che porterà molte regioni sotto zero con pioggia, temporali e neve.

Già a ieri la Protezione civile ha emanato degli allerta, modulati secondo la 'colorazione' stabilita da ciascuna regione, per avvertire di un sostanziale calo delle temperature, vento forte di burrasca, piogge e temporali con grandine e infine l'arrivo della neve anche a quote collinari. Il vento, assieme alla neve, sarà protagonista su tutta la Penisola: dalle prime ore di domani e per le successive 24 ore sono previsti venti molto forti con raffiche di burrasca su Liguria, Emilia Romagna (dove vige l'allerta rosso per il vento), sulle coste del Veneto e in Friuli, in Toscana e nelle Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo, in estensione durante la giornata alla Campania e sul resto del Paese, isole comprese.

Sulla base delle previsioni disponibili la Protezione civile ha emesso un'allerta meteo che prevede dalla serata di oggi venti di burrasca sulla Sardegna e dalle prime ore di domani su Liguria, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, in estensione a Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Sono attese inoltre nella giornata di domani nevicate fino a quote di pianura su Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Provincia Autonoma di Trento, Friuli Venezia Giulia, entroterra ligure ed Emilia-Romagna.

Intanto la neve è arrivata sulle montagne d'Abruzzo, dove per domani l'allerta è giallo-arancione. Manto bianco abbondante nelle ultime ore i paesi di Pietracamela (vedi foto in alto), Rocca Santa Maria e Crognaleto e Valle Castellana. In quest'ultimo borgo è saltata la corrente elettrica.

"Al fine di garantire la salvaguardia della popolazione e la riduzione di possibili disagi - recita l'allerta della Protezione - si raccomanda alle amministrazioni comunali di verificare la disponibilità del proprio personale, contattare preventivamente le eventuali ditte convenzionate per lo sgombero neve, verificare la disponibilità e l’efficienza di materiali e mezzi a disposizione delle stesse e mettere in atto ogni altra misura necessaria e prevista nei piani di emergenza e piani neve". 27 dic. 2020

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1368

Condividi l'Articolo