Sevel. Straordinari di domenica. 'La Regione lascia a piedi i lavoratori pendolari'

La Sevel di Atessa (Chieti) recupera vari stop produttivi con straordinari  fatti di domenica, ma i lavoratori non possono usufruire dei bus.

"La Regione lascia a piedi i  pendolari - denuncia il coordinatore Uilm Abruzzo, Nicola Manzi -. Non viene assicurato - si fa presente in una nota - il trasporto pubblico ai dipendenti della Sevel e a quelli dell'indotto, comandati a lavorare in straordinario domenica 24 novembre dalle ore 22 fino alle ore 6 di lunedì. Il servizio di trasporto pubblico è stato negato anche il 27 ottobre e il 10 novembre, costringendo un numero incalcolabile di lavoratori a utilizzare il proprio mezzo per recarsi in fabbrica, con i rischi della strada e i costi del viaggio - aggiunge Manzi -. I governanti regionali e i politici non perdono occasione per elogiare le grandi aziende metalmeccaniche come la Sevel, la Honda, e altre realtà dell'automotive, quale motore trainante dell'economia in Abruzzo".

"Poi - si fa ancora notare - nonostante i ripetuti solleciti delle aziende interessate, non riescono neanche a garantire il trasporto pubblico. La Regione Abruzzo per la terza volta consecutiva lascia a piedi i suoi lavoratori mentre la Regione Molise ha garantito il servizio. Auspichiamo che si trovi immediatamente una soluzione a questo inspiegabile disservizio".

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3013

Condividi l'Articolo