Stellantis Atessa e il marchese del Grillo... 'A rimetterci non siano i lavoratori'

La direzione dello stabilimento Stellantis di Atessa (Ch) ha annunciato ai sindacati un nuovo fermo produttivo per domani 8 luglio: cancellati tutti e tre i turni.

Stop che in questi giorni si sono susseguiti a causa, è stato detto, di "problematiche di fornitura da parte di Sapa" che realizza parti in plastica e carbonio.

Sulla questione interviene la Rsa della Uilm, che in una nota dice: "In questi giorni stiamo assistendo ad una delle scene più squallide del film "Il marchese del Grillo" , dove un simpatico e bravo Alberto Sordi, interpretando il ruolo del marchese, umiliava il povero falegname, che aveva effettuato dei lavori commissionati da lui stesso, con un perentorio "nunte vojo paga".
Ma non solo, mentre il falegname gli chiedeva spiegazioni, lui continuava con un'altro perentorio "perché io so io e voi altri non siete... nessuno" ".

"Bene, - rimarcano i rappresentanti sindacali - a noi sembra che la situazione attuale fra la nostra azienda e i loro fornitori sia uguale a questa scena del film... solo che nel nostro caso a rimetterci sono i lavoratori delle rispettive aziende.
Ora non vogliamo entrare nel merito di accordi economici fra le due parti ma riteniamo che questi contenziosi devono e possono essere risolti in altri modi e tempi, così da non far pagare il prezzo dei disaccordi ai dipendenti delle aziende interessate, anche perché sono gli unici che non hanno colpe".

"Esprimiamo tutto il nostro dissenso - conclude - a qualsiasi forma di arroganza e presunzione, chiedendo a Stellantis di ripristinare il prima possibile le condizioni per una ripresa del lavoro nella fabbrica di Atessa, ex Sevel, altrimenti il prezzo da pagare sarà ancora più alto di quello che già in molti stanno subendo con la cassa integrazione dovuta al calo produttivo.
Per tornare al film, vorremmo evitare che a pagare sia il carbonaro... reo di assomigliare al Marchese e per questo giustiziato... naturalmente nel nostro caso il carbonaro è rappresentato dai lavoratori".  07 lug. 2024

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 7791

Condividi l'Articolo