Sevel. Centinaia di lavoratori a rischio. Aperta procedura raffreddamento, c'è minaccia sciopero e blocco produzione

"Abbiamo aperto la procedura di raffreddamento, siamo pronti allo sciopero e allo stop delle produzioni nell'unico stabilimento del gruppo Stellantis che sta operando a pieno regime". Il segretario nazionale Fim Cisl, Ferdinando Uliano, racconta così la situazione all’interno dello stabilimento Sevel di Atessa (Ch).

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

"Il nostro - spiega - non è un comportamento irresponsabile è l'esatto opposto. Non vogliamo essere presi in giro; non è mai successo nella storia dello stabilimento del Ducato che ad una crescita dei volumi produttivi corrispondesse una diminuzione degli occupati stabili e un aumento dei precari. Mai, né con Fiat né con Fca". Dalla nascita di Stellantis già tanti i contratti, per lo più in somministrazione, non prorogati: in 130 sono già andati a casa e altri 80 contratti in scadenza a settembre quasi certamente non verranno rinnovati. Ma il timore è che saltino anche 625 contratti in staff leasing, perché Stellantis pare non voglia sentir parlare di stabilizzazione e di assunzioni.

"E' una situazione - osserva Uliano - che non è più accettabile. Si sono incrementati turni da 15 a 17, fino ad arrivare a 18 e la previsione per quest'anno è di andare oltre 300.000 veicoli commerciali prodotti, risultato come al solito incredibile nella storia di Sevel. E Stellantis che fa? Ha ridotto i lavoratori interni e aumentato i trasfertisti". Cioè si serve di operai fatti arrivare da Melfi, Cassino, Pomigliano e anche da Termoli.

Uliano espone "due numeri per comprendere l'assurdità di questa situazione: nel 2016 si sono prodotti 290.000 furgoni e i lavoratori Sevel a tempo indeterminato erano 6.059; nel 2021 si andrà oltre 300.000 veicoli e i lavoratori Sevel sono 5.670 e i somministrati sono attualmente 705. Nei mesi scorsi - ricorda - abbiamo sollecitato il gruppo italo-francese ad assumere questi  ultimi lavoratori: non abbiamo avuto risposte positive. Il tempo è scaduto, il conto alla rovescia è partito". Se il gruppo industriale italo-francese non cambia... marcia, braccia incrociate e fermo produzioni. "Ci saranno a breve due incontri - aggiunge Domenico Bologna, Fim Cisl -, ma non penso che avremo quanto chiediamo. qui dobbiamo difendere la fabbrica e anche l'indotto, altrimenti si rischia...".   28 lug. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 10915

Condividi l'Articolo