Lanciano. La Nazionale italiana Macellai trionfa in Francia. Simone Di Ciano: 'Esperienza entusiasmante'
GUARDA LE FOTO

"L’Italia torna a casa con due fantastici risultati: primo posto conferito dal pubblico e secondo dalla giuria, dietro ai padroni di casa per soli sei voti".

Si è appena conclusa, in Francia, la prima Coupe d’Europe Boucherie a Clermont-Ferrand dove si sono battute quattro delle più grandi nazioni della lavorazione delle carni in Europa. Campionato a suon di filetti e bistecche.

Quattro le squadre in gara: Francia, Spagna, Germania e Italia. Le rispettive Nazionali si sono sfidate in una due-giorni di eventi tecnici in cui i migliori macellai hanno dato effettuato prove abilità su diverse specie come vitello, manzo, maiale, agnello e pollame.

"Una gara combattuta - racconta Andrea Laganga, portavoce della Nazionale italiana Macellai –. Prima la notizia del secondo posto conferito dai giudici. Poi la decisione del pubblico, formato da macellai presenti alla manifestazione e da spettatori che hanno seguito in streaming la competizione: da esso uno schiacciante e assoluto sì".

"Per noi -  evidenzia Francesco Camassa, capitano del Team Italia – non era importante tanto il risultato, quanto collaudare e mettere a punto la formazione in vista dei prossimi appuntamenti mondiali".

"Abbiamo voluto presentarci svelando chi siamo veramente - aggiunge Mara Labella, coach della Nazionale – . Abbiamo infatti scelto di servire ogni nostro prodotto su vassoi in cornice con le stampe delle più importanti opere d’arte italiane, Gioconda compresa. Per noi il lavoro di tutti i giorni è un’arte, fatta di tradizioni e insegnamenti quotidiani e lo abbiamo dimostrato".

"E dopo la gara ad Augusta in Germania e questa in Francia – annuncia Orlando Di Mario, presidente della Nazionale – il 2023 sarà l’anno degli Europei in Italia". 

La Nazionale è composta dai titolari Francesco Camassa, Andrea Laganga, Gianni Giardina, Anna Moretti e l'abruzzese Simone Di Ciano, 25 anni, di Lanciano (Ch). Riserve sono Marco Iuculano e Mara La Bella. I giudici sono Orlando Di Mario, Davide Cecconi e Manuele Avagliano. Lo staff tecnico è composto da Daniele Gargano e Martino Demita.  

"Essere l’unica nazione a tornare a casa con due premi  mi ha reso felice e orgoglioso, anche se il gradino più alto del podio è stato sfiorato per un soffio - dichiara Di Ciano -. "La vittoria doveva essere la nostra - rimarca - ma va bene lo stesso. Un’entusiasmante esperienza. Siamo fieri del successo, ha vinto l'italianità. Ora continuerò ad affilare carni, ad  allenarmi per questo meraviglioso mestiere, per i prossimi appuntamenti internazionali".  10 nov. 2021

Linda Caravaggio

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1969

Condividi l'Articolo