Atessa. Vertenza Blutec, incontro al Mise. 'Sollecitata accelerazione cessione azienda'
GUARDA LE FOTO
Vertenza ex Blutec: primo incontro, questa mattina, al ministero dello Sviluppo economico riguardo alle vicissitudini dell'azienda metalmeccanica di Atessa (Ch), fornitrice di Sevel, per cui realizza il telaio e altri componenti del furgone Ducato. Al tavolo, convocato dal Mise, i rappresentanti sindacati (Fiom, Fim, Uilm, Usb, Fismic e Failms); il presidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli; il candidato presidente in Abruzzo del M5S, Sara Marcozzi; la deputata grillina Carmela Grippa; la proprietà, ossia Ingegneria Italia, e il vice di capo di gabinetto, Giogio Sorial. Il summit è durato circa un'ora ed è servito a fare il punto della situazione. La scorsa settimana Blutec si è fermata per  diversi giorni, a causa dello sciopero dei lavoratori, che sono scesi in strada per rivendicare stipendi, sicurezza, certezze contributive e riguardo al proprio futuro. Stop che ha bloccato Sevel, con danni di milioni di euro, e altre fabbriche Fca, tra cui Fiat di Termoli (Cb) e Magneti Marelli di Sulmona (Cb). Durante la protesta è giunta la notizia delle trattative in corso tra Ingegneria Italia e la MA srl per la cessione delle attività a quest'ultima. 

"Durante l'incontro di oggi - fa sapere in una nota la Fim Cisl nazionale con il segretario Valerio D’Alò - abbiamo chiesto chiarimenti circa lo stato attuale della cessione dello stabilimento ex Blutec alla MA srl. Abbiamo evidenziato lo stato fatiscente degli impianti, che necessitano investimenti, dato che versano in condizioni che mettono a rischio la sicurezza dei circa 200 dipendenti e non permettono agli stessi di poter lavorare in condizioni tali da assicurare efficienza e soddisfazione dei clienti. Sono ancora troppe le incertezze".

"Dopo aver evidenziato le criticità dell'azienda - afferma Lolli - e sottolineato il suo stato di ingovernabilità e le condizioni di disagio in cui operano i lavoratori - va ricordato che all'interno della fabbrica di piove pure -, abbiamo chiesto l'accelerazione delle trattative per la cessione, che dovrebbe avvenire entro febbraio. Trattative che il Mise ha confermato essere in corso ma che necessitano ancora di tempo prima di giungere a conclusione. La Regione mette a disposizione tutte le agevolazioni possibili per favorire l'acquisizione". 

"Abbiamo sollecitato tempi certi per la cessione - dice Achille Di Sciullo, Uilm Chieti - dato che l'unica soluzione, per risollevare le sorti dell'azienda, è che vada via questa proprietà. Bisogna fare in fretta, per il bene dei lavoratori e dell'intero territorio". 

"Fuori dalla trattativa per la cessione dello stabilimento - afferma invece l'Usb - vorrebbero far restare i lavoratori di Csa, azienda che è parte integrante di Ingegneria Italia.  Ma la nostra organizzazione ha evidenziato il problema avendo come assoluta priorità il futuro di tutti i dipendenti. Il ministero ha preso atto della nostra segnalazione". Ma L'Unione sindacale di base ricorda anche, nella ex Blutec, "il clima reso incandescente dalla superficialità e dalle continue mancanze della proprietà che negli ultimi mesi non è mai stata puntuale col pagamento delle retribuzioni, che non riesce a garantire ai propri lavoratori ticket, Tfr e Metasalute. Gravi anche le condizioni degli impianti". 

"Nel corso della riunione - comunica invece Sorial - l'azienda ha confermato le trattative in corso con la MA Srl del gruppo Magnetto, dando come riferimento temporale quello del mese di febbraio per perfezionare la cessione del ramo d'azienda, e dando quindi continuità alle produzioni e sicurezza occupazione agli attuali livelli. Il ministero è impegnato a monitorare l'andamento delle interlocuzioni industriali in corso, chiedendo all'azienda di utilizzare queste settimane prima del prossimo tavolo che si terrà a fine febbraio. C'è particolare attenzione nei confronti di questo stabilimento, - conclude - la cui produzione e gli eventuali fermi condizionano un intero cluster industriale ed un settore importante a livello nazionale". 


24 gennaio 2019

@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 2860

Condividi l'Articolo