Abruzzo. Pescatori in sciopero contro caro gasolio: barche ferme a Pescara, Ortona, Vasto e Giulianova
GUARDA LE FOTO

Sciopero... Dalla mezzanotte di domenica scorsa i pescherecci, in Abruzzo, non vanno in mare, allineandosi alla protesta contro l’impennata dei prezzi dei carburanti deliberata dall’assemblea nazionale delle marinerie di Civitanova Marche.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie per distributori e uffici

Apri

Resteranno ornmeggiate in porto per diversi giorni, almeno fino a che non avranno riscontri alla loro protesta. Questa mattina, contro il caro gasolio, hanno riconsegnato, alle Capitanerie di porto, i libretti e i documenti di bordo. "Abbiamo riconsegnato libretto carburanti, il ruolino di equipaggio e la licenza di navigazione senza i quali non si può uscire in mare - dice Francesco Scordella, presidente dell’Associazione Armatori Pescara -. La situazione - spiega - è diventata insostenibile a causa dei continui aumenti del gasolio: siamo passati da 0,29 centesimi al litro pre pandemia da Covid-19 a euro 1,10 - 1,30 attuali. E siccome un'imbarcazione consuma anche anche 2.500 litri al giorno, facciamo un po' i conti. Non ci sono più i presupposti per andare al lavoro. Siamo penalizzati dal caro carburanti, da norme stringenti, da decreti europei che sono... mazzate... Questo - prosegue - è un settore delicato: se noi stiamo a terra ci rimettono i mercati ittici, le cooperative, i ristoratori, i commercianti del settore, oltre ai consumatori finali che stanno vedendo il prezzo del pesce salire giorno dopo giorno".

A Pescara sono circa 60 le barche da pesca, con oltre 200 addetti; altrettante sono nel resto della regione, tra Ortona (Ch), Giulianova (Te) e Vasto (Ch). "E poi - rimarca Scordella - ci sono le vongolare, che erano già ferme in banchina da un pezzo". Domani le associazioni di categoria si recheranno al ministero delle Politiche agricole e alimentari.

"Le istituzioni devono intervenire con urgenza per calmierare il prezzo del gasolio o proporre rimborsi", viene rimarcato. Il presidente di Confcommerco Riccardo Padovano spiega i motivi per cui il comparto sta vivendo una crisi anche peggiore rispetto all’autotrasporto: "Il pescatore non ha un grossista che emette un ordine e a cui può rivendere il prodotto calcolando l’aumento della nafta, perché il pescato va al mercato ittico dove si incontrano domanda e offerta, non c’è un tariffario, l’asta è quotidiana e non sai mai quanto incassi. La politica deve trovare soluzioni, servono ammortizzatori immediati, la pesca e l’agricoltura costituiscono un settore fondamentale. Chiederemo alla Regione un intervento straordinario". Alcuni ristoranti hanno già fatto sapere che resteranno chiusi fino a nuova comunicazione. 

E il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, esprime "solidarietà alla marineria abruzzese che - dichiara - ha proclamato lo stato di agitazione per protestare contro il caro gasolio, che rischia di mettere in ginocchio l'intero comparto e in difficoltà economiche centinaia di famiglie. L'esorbitante rincaro del carburante avvenuto in questi giorni deve essere seguito da adeguate misure urgenti a sostegno del comparto della pesca da parte del Governo". 08 mar. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

Foto della protesta di Fernando Errichi

totale visualizzazioni: 1093

Condividi l'Articolo