Inagurata la nuova filiale della Bcc Abruzzi e Molise, in Viale della Libertà, nel Palazzo Green. La Banca più antica di Abruzzo e Molise ,è sbacata, così nel cuore della Costa dei Trabocchi "con soluzioni concrete - dicono i vertici dell'istituto di credito - per giovani, famiglie e imprese".

E' stato l’arcivescovo di Lanciano-Ortona, monsignor Emidio Cipollone, a benedire i locali, in una cerimonia molto partecipata, con sindaci in fascia tricolore, autorità militari e religiose, personale, progettisti e maestranze che hanno realizzato la filiale.

Presenti, tra gli altri, il presidente della Provincia di Chieti, Francesco Menna; il sindaco di Ortona, Leo Castiglione e il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli e numerosi primi cittadini del territorio. Come tutte le altre della Bcc Abruzzi e Molise, è stata "abbandonata la connotazione di “sportello” per le transazioni, a favore di un un luogo “familiare”, accogliente, adatto al dialogo, all’incontro, alla comunicazione e al lavoro". Anche la tecnologia si conferma una costante, con la presenza del self banking H24 presso cui il cliente può effettuare versamenti in autonomia. Non ci sono le casse sportelli-frontali in senso tradizionale, ma piccoli studi in cui si accoglie il cliente per ogni esigenza operativa e di consulenza, nel rispetto della privacy e nella logica del “discret banking”.

“Con la filiale di Ortona – commentano Vincenzo Pachioli e Fabrizio Di Marco, rispettivamente presidente e direttore generale della Bcc Abruzzi e Molise -, vogliamo affermare la nostra presenza sulla Costa dei Trabocchi, attraverso un modello di “banca multicanale” completamente integrato, che combini i canali tradizionali con quelli digitali. Con orgoglio siamo la Banca più antica di Abruzzi e Molise, da 120 anni presenti sul territorio. Con Ortona, aggiungiamo un altro tassello alla rete di filiali che operano per lo sviluppo delle comunità locali, nostra mission principale dal 1903, anno di fondazione della banca". 23 nov. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1739

Condividi l'Articolo