Niente giornali in alcuni paesi Val di Sangro. Mobilitati Udc e Confcommercio Chieti

Niente giornali nei centri interni della Val di Sangro, e il segretario regionale dell’Udc Abruzzo, Enrico Di Giuseppantonio si appella al Governo e alla Regione, affinchè sostengano i titolari delle edicole che subiscono di più la crisi.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

"La mancata distribuzione dei quotidiani e delle riviste in diversi centri delle aree interne dell’Abruzzo - dichiara Di Giuseppantonio -  è un fatto grave. Privare della lettura di un giornale paesi della nostra regione non solo provoca un danno economico a chi gestisce le edicole di quelle località, ma non consente ai cittadini il diritto d’informarsi. E’ una privazione anche in termini socio-culturali perché la lettura di un giornale alimenta il confronto sui fatti e diventa perciò anche un fenomeno di aggregazione ed incontro in realtà che già soffrono oltre il dovuto la crisi dello spopolamento. Non tutti - aggiunge - possiedono o sono in grado di districarsi tra i canali online o con il web e, dunque, l’arrivo dei giornali è l’unico modo di tenersi aggiornati su quel che avviene".

"Come membro del direttivo Anci Abruzzo (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) – ricorda Di Giuseppantonio -, insieme al presidente Luciano Lapenna, negli anni scorsi invitammo i sindaci della nostra regione ad aderire all’intesa che sottoscrissero la Federazione italiana editori giornali (Fieg) e l’Anci, tesa a favorire il rinnovamento del ruolo e della funzione delle edicole. Il mondo dell’editoria da tempo deve fare i conti con una crisi senza precedenti, accentuata dalla pandemia e con l’iniziativa si voleva limitare la chiusura delle edicole, rendendole dei centri di servizi. La mancata distribuzione di giornali e riviste rischia quindi di veder sfumare la riqualificazione delle edicole".

L’Udc chiede anche un ulteriore sostegno economico da parte del Governo e della Regione a favore  degli edicolanti. "Fanno sacrifici enormi - conclude Di Giusepantonio - perché iniziano a lavorare nei propri chioschi e negozi di primo mattino, quando ancora le luci notturne non si spengono, fino a tarda sera".

Sul problema inteviene la Confcommercio Chieti, rincarando la dose. La presidente provinciale, Marisa Tiberio: "Privare della lettura di un giornale i comuni medi e piccoli della nostra regione, provoca un danno economico a chi gestisce le edicole nelle suddette località e cancella la possibilità di informarsi. Soprattutto in questo momento di pandemia, dove i vari lockdown hanno limitato le libertà, aumentato isolamento e solitudine, è indispensabile il diritto all’informazione soprattutto per chi non è digitalizzato o non è in grado di districarsi tra i canali dell’on line o tra le varie piattaforme social. Il problema c’è e va risolto   nell’immediato, considerato anche il momento difficile che stiamo vivendo".  20 genn. 2021

Linda Caravaggio

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 948

Condividi l'Articolo