8 marzo. Sciopero in fabbriche Val di Sangro contro la violenza e per la sicurezza sul lavoro
GUARDA LE FOTO

Uno sciopero contro le violenze e le disparità di genere, ma anche per la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

 L'iniziativa è dell'Usb-Unione sindacale di base che, questa mattina, ha tenuto un sit in a Lanciano (Ch) davanti ai cancelli dello stabilimento Syncreon con i lavoratori della Logistica Val di Sangro -Lvs. Al contempo ha proclamato scioperi anche in Sevel, in Tiberina Sangro e nella Ma (ex Blutec) per l'intera giornata lavorativa dell'8 marzo.

 "Sono circa 150 - dice il sindacato - gli operai della Lvs che si occupano di logistica nell'indotto Sevel e che lavorano in un ambiente dove le norme sulla sicurezza e i protocolli anti Covid-19 non vengono rispettati". 

Braccia incrociate, quindi, "contro lo sfruttamento: lavoro a intermittenza, precario, demansionato, ricattabile, gratuito, invisibile; contro lo smantellamento dello stato sociale e per il diritto al reddito, alla casa, al lavoro, alla parità salariale, a misure di sostegno per la fuoriuscita dalla violenza; per non lasciare indietro nessun@: la fine del blocco dei licenziamenti e degli sfratti è dietro l’angolo. A chi parla di debito buono e debito cattivo rispondiamo con la lotta contro le disuguaglianze e la redistribuzione della ricchezza". 08 mar. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1712

Condividi l'Articolo