Guerra ai cinghiali: a Lanciano arriva l'ordinanza del sindaco Paolini per l'abbattimento

E' guerra ai cinghiali. Per motivi sanitari e per l’incolumità pubblica il Comune di Lanciano (Ch) interviene per arginare il problema, con l'abbattimento cosiddetto selettivo.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

In città ormai la presenza dei cinghiali è acclarata. Il sindaco Filippo Paolini con apposita ordinanza, la numero 168 del 24 giugno scorso ha disposto così il controllo degli ungulati nelle zone urbane e limitrofe di via per Treglio, quartiere Santa Rita, via Iconicella, via Vecchia Iconicella, via del Mare, via Bergamo, via Firenze, via San Giovanni da Capestrano, via Santa Croce, via Tinari e nelle seguenti contrade: Gaeta, Santa Giusta, Villa Andreoli, Madonna del Carmine, Costa di Chieti, Sant'Amato, Nasuti e Spaccarelli.

E' vietato fornire scarti alimentari agli animali selvatici, in particolar modo al "comune cinghiale"; inoltre è fatto d’obbligo per i proprietari o possessori di terreni prospicienti le strade del Comune, di mantenere puliti e sgomberi i terreni stessi, dalla vegetazione infestante e di attivare le necessarie azioni di bonifica e ripulitura degli stessi, allo scopo di prevenire il crearsi di condizioni ecologiche favorevoli alla penetrazione e all’ambientamento dei cinghiali.

Considerato che i cinghiali sono in cerca di cibo e che talvolta lo trovano nei cassonetti dell’immondizia lo stesso sindaco ha ordinato anche il rispetto del conferimento dei rifiuti secondo i giorni e gli orari comunicati dalla società gestore dei servizi di igiene urbana, Ecolan, e di utilizzare correttamente i mastelli/contenitori, consegnati per il conferimento dell’organico, al fine di evitare la presenza incontrollata di cibo sulle strade.

Le attività di controllo, intensificate per reprimere ogni forma di abbandono di rifiuti o errato conferimento degli stessi, in difformità di legge e/o regolamenti, nonché la verifica dell’osservanza degli obblighi e l’eventuale attività sanzionatoria sono demandate alla polizia municipale.

Nell’ordinanza il sindaco incarica la polizia provinciale di Chieti, in avvalimento della Regione Abruzzo, di rimuovere gli esemplari di cinghiali vaganti e abituati a frequentare le aree urbane in cerca di cibo. 27 giu. 2022

ALESSANDRO DI MATTEO

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1711

Condividi l'Articolo