Scomparsa Giuseppe Catania, il cordoglio dell'Associazione Vastese della Stampa
GUARDA LE FOTO

La città di Vasto (Ch) è ancora attonita per la scomparsa di Giuseppe Catania, morto a causa del coronavirus e i cui funerali si terranno il prossimo 11 gennaio, alle 15, nel piazzale del cimitero. Sono tantissimi i messaggi di cordoglio atrivati da personalità politiche, prelati e amici.

L'Associazione Vastese della Stampa - 1957, increduda e profondamente addolorata per la dipartita di uno dei suoi padri fondatori, oltre che guida per oltre un trentennio, ha espresso con una nota il proprio ricordo: "Peppino Catania ci ha lasciati. Il decano dei giornalisti vastesi è partito per il suo ultimo viaggio, portando con sé la sua professionalità, la competenza, il rispetto per la deontologia, qualità che nel corso degli anni ha trasmesso a tutte le nuove leve del giornalismo locale e non solo. Perché Peppino per oltre 25 anni, dal 1957 al 1983, è stato corrispondente de "Il Tempo" e nel corso della sua lunga carriera ha collaborato con numerose testate locali, regionali e nazionali ed ha rappresentato un faro per la professione fino ad essere eletto per due legislature in seno al Consiglio regionale dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo. A noi che lo abbiamo conosciuto, amato, stimato mancheranno i suoi modi cordiali, i suoi sorrisi, i suoi aneddoti, il suo amore viscerale per la nostra città, che lo ha accolto in tempo di guerra e della quale, per oltre 70 anni, fino agli ultimi giorni che lo hanno reso possibile, ha raccontato splendide pagine di cultura e ricerca storica. Da grande uomo di cultura qual era, trasformava spesso l’informazione in sapere e la comunicazione in divulgazione. Toni sempre sobri, appassionati, oggettivi. Insomma una forma di giornalismo serio, senza compromessi e sempre con una prospettiva civica, e di crescita. Molti lo hanno ricordato come un signore d’altri tempi, a noi dell’Associazione piace ricordarlo come un signore di ogni tempo. Ciascuno di noi ha un ricordo personale con Peppino e questo significa che la sua vita non è trascorsa inutilmente, ma si sia sempre speso per il prossimo, e non solo per informare, ma spesso per formare ed educare. La sua attività giornalistica è stata l’incipit della odierna storia di tanti aspetti della vita sociale, culturale ed economica della nostra città".

"Io stesso - afferma il presidente dell’Associazione, Giampaolo Di Marco, avvocato - ho fatto ricorso alle sue inesauribili fonti storiche, non solo di carattere giornalistico, quando sono stato chiamato da una rivista giuridica a scrivere la storia del nostro tribunale. Gli sono grato per avermi accolto nella sua casa di Via Pampani, da giovane giurista e da piccolo giornalista. Quel giorno lo porto con me con un momento di grande insegnamento, soprattutto per l’affetto e la passione con la quale mi ha tenuto incollato alla sedia a scrivere a mano la storia di un pezzo della nostra città".

Dall’Associazione giunge anche la voce di Luigi Spadaccini, consigliere regionale dell’Ordine dei Giornalisti d’Abruzzo: "In certi momenti è davvero difficile trovare delle parole giuste, soprattutto quando ci si trova ad esprimere il proprio dolore. ‘Peppino non è più tra noi’: così, con la voce rotta dalla commozione, l’amico Nicola D’Adamo mi ha comunicato la scomparsa di Peppino Catania. Il Cavaliere, però, ci mancava già da un po’, eccome. Perché questi ultimi sono stati anni durissimi per il suo cuore e per il suo animo e durissimi per noi che, oltretutto, siamo stati impossibilitati a fargli visita, a strappargli un sorriso, una carezza, a riceverne in dono un nuovo aneddoto. Ho conosciuto Peppino a metà degli anni ’80 quando frequentava gli studi di Trsp e da allora i nostri rapporti sono sempre stati all’insegna del rispetto reciproco, della stima, dei sorrisi, della cordialità. Avevamo maturato un rapporto tale che ci ha portato finanche a condividere l’idea di riportare un vastese in seno al Consiglio regionale dell’Ordine dei Giornalisti e di attualizzare l’Associazione Vastese della Stampa che per tanti anni si era adoperato per tenere in vita. Due obiettivi raggiunti con il suo sostegno e quella tenacia che lo contraddistinguevano. Oggi l’amico Peppino non c’è più. Quell’uomo minuto, dal deciso carattere siculo ammorbidito dalla brezza marina del Golfo d’Oro, quell’uomo che ha raccontato per oltre 70 anni se ne è andato in silenzio, lontano da tutto e da tutti e questo ci addolora ancora di più. Non lo vedremo più passeggiare per le vie di quel centro storico cui aveva dedicato tante ‘battaglie’, con la sua pila di giornali sotto il braccio e le rinomate buste recanti i suoi articoli scritti ancora con quella Olivetti Lettera 32 acquistata dal suo amico Mimì Di Egidio. Non lo vedremo più stringere mani, dedicare del tempo a tutti, una parola per ognuno, un sorriso, un richiamo. Da oggi siamo tutti più poveri. Ciao Peppino. Ci mancherai. Mi mancherai".  09 gennaio 2021

Stefano Suriani

@RIOPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1296

Condividi l'Articolo