Covid. In Abruzzo altri dieci decessi. Ecco i numeri dei contagi nelle scuole di Lanciano

Sono 1.568, tra tre mesi e 99 anni, i nuovi positivi al Covid-19 in Abruzzo. Del totale, 955 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari (3.109) e tamponi antigenici (10.391), è pari all'11,61%.

Si registrano dieci decessi recenti, che fanno salire il bilancio dei morti a 2.758. Le vittime avevano tra 70 e 92 anni: quattro erano residenti in provincia di Pescara, due in provincia di Chieti e una fuori regione; tre risalgono ai giorni scorsi, ma sono stati comunicati solo oggi dalla Asl. I guariti sono 97.753 (+510).

Gli attualmente positivi sono 92.661 (+1.047): il dato comprende anche 79.508 casi riguardanti pazienti persi al follow up e sui quali sono in corso verifiche. Del totale, 419 pazienti (+7) sono ricoverati in ospedale in area medica e 37 (+1) sono in terapia intensiva, mentre gli altri 92.205 (+1.039) sono in isolamento domiciliare. Il totale dei casi accertati dall'inizio dell'emergenza ad oggi sale a 193.172: 40.829 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+260), 52.887 in provincia di Chieti (+436), 45.995 in provincia di Pescara (+454), 48.262 in provincia di Teramo (+371) e 2.460 fuori regione (+14); per 2.739 (+32) sono in corso verifiche sulla provenienza. 

Nel primo giorno di zona arancione, il tasso di occupazione dei posti letto è al 20% per le terapie intensive e al 32% per l'area non critica, a fronte di soglie limite rispettivamente del 20 e del 30%. L'incidenza settimanale dei contagi per centomila abitanti, da oltre un mese superiore alla soglia limite di 150, è a 1.970. Gli ultimi dati continuano a confermare la frenata della corsa del virus, anche se i numeri sono stabili su valori altissimi. Il totale dei contagi accertati in una settimana è pari a 25.230: il totale, anche in termini percentuali, è invariato rispetto ai sette giorni precedenti, segno di come la crescita si sia arrestata. A livello territoriale, i numeri più alti sono ancora quelli del Teramano, unico territorio che presenta ancora un'incidenza settimanale dei contagi per centomila abitanti superiore a duemila: il parametro è a 2.160. Seguono il Pescarese, con 1.956, e il Chietino, con 1.845. Chiude la provincia dell'Aquila con un'incidenza pari a 1.647. 

Ospedali pieni e il presidente della Regione, Marco Marsilio, ha firmato l'ordinanza  con la quale dispone che i malati Covid meno gravi siano trasferiti o ricoverati in strutture private, "purché siano garantite le risorse organizzative e strumentali necessarie all’appropriata assistenza dei pazienti". E' necessario - afferma Marsilio - "decongestionare i nosocomi pubblici, avvalendosi delle case di cura private accreditate della Regione Abruzzo, per l’assistenza dei pazienti Covid-19 necessitanti di ospedalizzazione, ma non bisognevoli di trattamenti di terapia intensiva o sub intensiva".

Nelle scuole situazione sempre problematica. 

Questa la situazione a Lanciano (Ch) dove di contano 1.723 positivi, dei quali 396 da zero a 18 anni. All'istituto comprensivo "D'Annunzio" sono 73 i positivi fra alunni e personale e in 190 sono in sorveglianza sanitaria; al "Don Milani 35 i contagiati e 230 in sorveglianza attiva; al "Mario Bosco" sono 38 i positivi e 63 quelli in sorveglianza sanitaria; all'istituto comprensivo "Umberto I" 100 i positivi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA 

totale visualizzazioni: 2106

Condividi l'Articolo