Coronavirus. L'Abruzzo resta arancione. Oggi 221 nuovi casi e 10 decessi

Sono 221 i nuovi positivi al Covid-19 in Abruzzo, saltati fuori dall'esame di 3.848 tamponi molecolari e 5.399 test antigenici.

Hanno età compresa tra 1 e 97 anni. Sono 11 in provincia dell'Aquila, 63 in quella di Chieti, 79 nel Pescarese, 46 nel Teramano e 2 residenti fuori regione.

Sono 10 i morti, di cui 3 risalenti ai giorni scorsi. Ci sono copessivamente 28.768 guariti (+299), mentre i positivi sono attualmente 10.411 (-88): 427 sono ricoverati in area medica (-14), 41 in terapia intensiva (+1), 9.943 in isolamento domiciliare (-75).

L'Abruzzo intanto ha superato, dall'inizio della pandemia, i 40mila casi di coronavirus. A settembre 2020 il dato era fermo a circa quattromila unità: vale a dire che nove contagi su dieci riguardano la seconda ondata, con un incremento del 900%. A novembre si è registrato quasi un contagio su due del totale. Il primo caso, in Abruzzo, era emerso all'inizio di marzo 2020. Quando ci fu per la prima volta l'azzeramento dei contagi, il 29 maggio, il totale era 3.237 casi. E' a settembre che i numeri hanno ricominciato a salire, anche se l'incremento complessivo è stato pari a meno di un migliaio di unità. Circa seimila i contagi a ottobre, ma il mese dei record è stato novembre, con quasi 18mila casi. Il 14 novembre 2020 si è registrato il dato più alto in termini di nuovi casi in un solo giorno, ben 939, il 21 novembre quello più alto sui decessi segnalati, 35, il 28 novembre il dato più alto sulle terapie intensive, 77, e il 30 novembre il dato più alto sui ricoveri complessivi, 790. Circa settemila, infine, i casi complessivamente registrati a dicembre. 

E l'Abruzzo resterà in zona arancione fino a fine mese, stando all'ordinanza firmata dal ministro della Salute Speranza.  23 gen. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 789

Condividi l'Articolo