Covid. Consiglia a paziente di curarsi con i funghi: medico no vax di Teramo arrestato

"Le persone vaccinate stanno morendo, a decine al giorno. Il virus non esiste...". A dirlo, al telefono, il ginecologo no vax, di Teramo, Roberto Petrella, di 74 anni. 

"Se va in ospedale lo intubano e muore", ha aggiunto. Ma il paziente campano, originario di Napoli e residente nel Casertano, che gli ha dato retta e che è per ciò rimasto a casa anche dopo che si è aggravato, è morto lo stesso. E il medico, intercettato dalla Digos di Catanzaro, è stato arrestato, questa mattina, in Calabria. E' ai domiciliari, accusato di omicidio, su esecuzione di un’ordinanza urgente chiesta dalla Procura di Catanzaro dato che il sanitario - come affermano i giudici - mostra una "spiccata pericolosità sociale". E potrebbe reiterare il reato. 

E' cominciata con la moglie della vittima che, dopo averlo notato sui social, ha contattato Petrella perché il marito, non vaccinato contro il Covid, stava molto male. L'uomo era affetto da gravissime patologie pregresse: ipertensione, ipercolesterolemia, infarti, diabete...  Nell’ultima visita fatta all'uomo, ad ottobre 2021, "Petrella - scrive il gip di Catanzaro - si era espressamente raccomandato di rivolgersi esclusivamente a lui e di non fare affidamento sul medico curante", perché se lo avessero portato in ospedale "sarebbe morto sicuramente". E in quell'occasione gli aveva prescritto una terapia omeopatica a base di estratti di funghi, "totalmente avulsa da qualsiasi pratica di scienza medica".

Agli inizi di dicembre i primi sintomi influenzali, quindi a seguire la febbre alta. A quel punto- era il 6 dicembre - la moglie ha chiamato il ginecologo che, senza visitare il malato, ha dichiarato che non c’era motivo di allarmarsi. L'8 dicembre nuova telefonata. La donna voleva far arrivare un’ambulanza e far ricoverare il marito, ma il ginecologo l’ha dissuasa, assicurando che "sarebbe stato sufficiente somministrargli delle vitamine per farlo riprendere". Il quadro clinico è precipitato, tanto che, alla fine, ma era troppo tardi, la donna ha allertato la guardia medica e il 118. Il marito è deceduto, inutile l'intervento dei sanitari. Secondo la Procura "l'evento è strettamente correlato al mancato ricovero".

Alla vicenda le forze dell'ordine sono arrivate per caso, effettuando intercettazioni per un'altra inchiesta. Sono stati sequestrati anche alcuni account Facebook del medico. 

Ma sono anche altri i casi, nei quali ha sempre asserito che il coronavirus è un'invenzione, per cui il ginecologo è nei guai. E diverse volte ha fatto ricorso alla micoterapia, un rimedio di origine tradizionale cinese che non ha alcun fondamento scientifico. 24 gen. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1003

Condividi l'Articolo