Casoli (Ch) – Un centro logistico in Val di Sangro per lo scambio ferro-gomma, servito da binari che si allacciano alla rete ferroviaria. E' l'iniziativa a cui sta lavorando l'azienda Progetto Logistico Srl, di Casoli, del gruppo Di Carlo. “In questo modo – fa sapere in una nota la società – cresce l'offerta di servizi infrastrutturali in provincia di Chieti ed in particolare nelle aree di maggiore presenza di imprese legate al settore dell'automotive e ciò al fine di creare le migliori condizioni affinché le industrie siano invogliate a restare e ad operare nel nostro territorio”. Il progetto nasce dall'accordo con le maggiori acciaierie nazionali. “E, oltre allo stoccaggio,- viene spiegato – prevede l’arrivo delle materie prime alle aziende che le lavorano e il recupero dei materiali di scarto che saranno rispediti ai centri di produzione dell’acciaio”. 

Il centro logistico occuperà, tra diretti ed indiretti, circa 50 lavoratori nella fase di avvio, per superare, successivamente, i 100 addetti. “La prima fase del progetto – comunica Di Carlo - prevede 3 treni settimanali carichi di materie prime in entrata che andranno a sostituire circa 90 bilici, ed altrettanti convogli in uscita pieni di scarti che andranno a soppiantare altri 90 tir". La logistica – viene aggiunto - è uno dei settori in cui le aziende si giocano la sfida della competitività "per cui è evidente che, dopo la prima di sperimentazione, l’attività potrà essere estese anche ad altri settori merceologici, disegnando un quadro di opportunità nuove, con il miglioramento e lo sviluppo dei livelli occupazionali". Inoltre - viene aggiunto - ci saranno ricadute positive sull'ambiente: migliaia di autoarticolati in meno sulle strade equivarrà, infatti, anche "all'abbattimento di inquinanti in atmosfera", in particolare di anidride carbonica. La realizzazione del progetto è stato reso possibile grazie al supporto della Regione Abruzzo, nonché grazie all'azienda di trasporto Tua e all'Arap (Azienda regionale delle aree produttive).

11 dicembre 2017

@RIPRODUZIONE VIETATA

Condividi l'Articolo

Articoli correlati