Paglieta. Legambiente e il sindaco: 'Occhio al ponte di Guastacconcio'
E' osservato speciale anche il ponte di Guastacconcio, nell'omonima contrada di Paglieta (Ch). Soprattutto adesso che, chiuso il viadotto sul Sangro sulla provinciale Lanciano - Atessa, dovrà sopportare buona parte del traffico tra Lanciano e la Val di Sangro. Legambiente ha inserito il ponte di Guastacconcio tra le infrastrutture che in Abruzzo vanno costantemente monitorate. "Chiuso più volte in passato per piene - dice Luzio Nelli, del coordinamento regionale di Legambiente - presenta anche lesioni. Oggi si transita su carreggiata ristretta ed il traffico è inibito ai mezzi superiori a 10 tonnellate. Altro elemento da tenere in considerazione è che la stabilità di questo ponte è messa a dura prova dalle piene, come conseguenza dei cambiamenti climatici, dalla presenza della diga e dall'abbassamento del letto causato dai prelievi di materiali inerti". La struttura risale agli inizi del Novecento; è stato abbattuto durante la Seconda guerra mondiale, dato che si trovava nel bel mezzo della Linea Gustav. E' stato rimesso su dagli inglesi. Il suo nome evoca distruzione e ricostruzioni. Questa mattina, sotto le arcate, verifiche da parte del sindaco di Paglieta, Nicola Scaricaciottoli, e di Luzio Nelli. "Sono diversi i problemi - evidenzia Scaricaciottoli - e il timore, adesso, è che si aggravino a seguito dell'aumento del traffico. Il limite di 10 tonnellate, per i mezzi pesanti, non è rispettato, tranne che dagli autobus. Sotto le arcate ci sono lesioni, pure alla base dei piloni, e l’asse viario, soprattutto nella parte centrale, presenta avvallamenti causando allagamenti quando piove. Va tenuto d'occhio". 
21 agosto 2018

GUARDA Il VIDEO CON INTERVISTE A NELLI E A SCARICACIOTTOLI

@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 2539

Condividi l'Articolo