Solo ghiaccio residuo tra pietre e detriti. E' quello che resta del ghiacciaio del Calderone, il più meridionale d'Europa, situato sul versante nord est del Gran Sasso, in Abruzzo.

Un ghiacciaio quasi del tutto scomparso a causa dei cambiamenti climatici e declassato a "glacionevato", cioè un accumulo di ghiaccio di ridotta superficie e di limitato spessore. Lo mostra Legambiente nel video "Requiem al ghiacciaio del Calderone - Gran Sasso D'Italia", realizzato insieme al videomaker Elia Andreotti e alla violinista Laura Zaottini.

"Si tratta del primo Requiem sugli Appennini, dopo quelli che Legambiente ha organizzato la scorsa settimana sui ghiacciai alpini", dice l'associazione in una nota in cui spiega che il Calderone era un tempo il cuore del ghiacciaio. Sulle vette gli ecologisti hanno esposto lo striscione #ChangeClimateChange lanciando un nuovo appello: "È stato l'uomo a causare i cambiamenti climatici, e l'uomo deve fermarli. Per questo è urgente intervenire collettivamente e al più presto: la politica deve fare la sua parte mettendo in atto azioni concrete passando dalle parole ai fatti; ma in questa partita, che riguarda e coinvolge tutti, anche i cittadini possono e devono dare un mano nel loro vivere quotidiano".

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 512

Condividi l'Articolo