Il Flaiano Film Festival a Pescara dal primo al 7 luglio, con omaggio a Marcello Mastroianni

Il Flaiano Film Festival omaggerà il grande Marcello Mastroianni. Appuntamento a Pescara, dal 1° al 6 luglio, al cinema teatro Sant'Andrea. L'ingresso sarà libero fino a esaurimento posti. Già annunciata una prima ospite, l'attrice Kasia Smutniak, che il 3 luglio presenterà il suo esordio alla regia, il docufilm "Mur". Saranno tre, come di consueto, le sezioni del festival: il "Concorso Flaiano Opera prima e seconda", il "Panorama italiano" e l'Omaggio, che quest'anno - come detto - sarà dedicato a Mastroianni in occasione del centenario della sua nascita.

Il Concorso Flaiano Opera prima e seconda, sezione competitiva del Festival riservata a film di produzione italiana che hanno ricevuto il contributo ministeriale, prevede la proiezione delle opere prime di attori e attrici in veste di registi: da Micaela Ramazzotti ("Felicità", che aprirà il concorso, alle ore 20.30 di lunedì 1 luglio) a Michele Riondino ("Palazzina Laf"), passando appunto per Kasia Smutniak ("Mur"), Alessandro Roia ("Con la grazia di un Dio") e Claudio Bisio ("L'ultima volta che siamo stati bambini"). Una giuria popolare, composta da 100 appassionati dai 14 anni in poi, voterà il miglior film dopo la visione dell'ultimo film in concorso, venerdì 5 luglio.

Il vincitore verrà svelato durante la serata conclusiva dei Premi Flaiano, il 7 luglio in Piazza della Rinascita quando saranno assegnati i riconoscimenti relativi a cinema, teatro, televisione e giornalismo. Il direttore artistico Riccardo Milani ha dichiarato: “È per me motivo di grande orgoglio dirigere il Flaiano Film Festival, all'interno di un premio così prestigioso come il Flaiano, per il nome e la personalità di Ennio Flaiano, figura di riferimento culturale attualissima. I suoi aforismi e pensieri feroci e autoironici hanno raccontato e raccontano il nostro Paese con arguzia e intelligenza unici”.

“Per quanto riguarda la selezione dei film – ha continuato Milani – ho agito come per i miei film: io cerco il pubblico, non mi piace la cinefilia estrema. La qualità al cinema si misura senza autocelebrazioni, ma con la concretezza e questo festival lo vuole dimostrare, con una scelta di film che tiene conto anche della fondamentale fruizione dei più giovani”. 12 giu. 2024

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 416

Condividi l'Articolo