Nniet Brovdi oltre il suo tempo... A Paglieta in mostra le opere dell'artista Umberto Ranieri
GUARDA LE FOTO

"Sono lavori pregni di simboli sacri,  del martirio, di spiritualità... In una varietà di stili che comunque volgono alla negazione di tutto ciò che è predeterminato e predefinito... Il suo, a volte, è nichilismo radicale, in nome della libertà artistica...". 

C'è tutta una vita, quella chiusa, all'improvviso, il 20 marzo scorso, dopo una terribile aggressione, dentro la mostra che da ieri e fino al 17 luglio, Paglieta  (Ch) ha voluto dedicare al pittore e performer Umberto Ranieri, ucciso, a 55 anni, in largo Preneste a Roma, città dove viveva. Ad ammazzarlo un 18enne tunisino, Jelassi Mohamed Aziz, che aveva richiamato alla civiltà. "Non sporcare...", l'ha ammonito e l'altro l'ha finito con un micidiale pugno. 

Paglieta, ora, raccoglie l'eredità artistica di quel suo figlio, che dipingeva, e disegnava e scriveva poesie e che ha lasciato una vasta produzione. Parte delle opere, a firma di Nniet Brovdi, che era il suo pseudonimo, sono esposte nella sala polivalente "Sandro Pertini", orari di visita 16-20.  L'iniziativa è a cura del Comune, in collaborazione con il Museo delle tradizioni popolari "Nelli-Polsoni".

Davvero in tanti all'inaugurazione; gremita la saletta in cui la mostra viene illustrata. In prima fila i familiari, con la mamma Anna Silvestri che piange per tutto il tempo, e con il papà Filomeno che solo alla fine, ringraziando tutti, trova la forza di dire: "Speriamo di farcela a superare questo lutto, ma non so, è difficile... L'unica speranza, ora, è riposta nella giustizia". 

"Alle elementari - dice il vice sindaco, Antonio Demattia - Umberto era già un talento, che noi altri potevamo solo soffermarci ad ammirare. Qui c'è una piccola selezione dei suoi lavori... E questo è l'inizio di una serie di iniziative culturali che organizzeremo in sua memoria: ci sarà anche l'istituzione di un premio annuale artistico-letterario...". 

"Si tratta - aggiunge il sindaco Ernesto Graziani - di un omaggio e di un riconoscimento ad Umberto. Ci conoscevamo dall'infanzia, ci siamo frequentati da ragazzi. Per decenni ho avuto un suo disegno appeso nella mia camera da letto. Aveva gentilezza, talento e uno spiccato senso civico... ". Che, il giorno il cui è stato aggredito, lo ha portato - prosegue il primo cittadino - "a non girare la testa da quel giovinastro irrispettoso del bene comune... E' il messaggio che abbiamo avuto in eredità...". 

 "Una personalità artistica sicura, originale, che lancia messaggi intensi - afferma la presidente del Museo "Nelli-Polsoni", Esmeralda Pagano -. Abbiamo scelto alcuni dei lavori, tempere, oli, acrilici e c'è una parte che sostanzialmente rappresenta il suo laboratorio...".

Disamina dell'opera affidata al critico Nicola Ranieri che racconta un Nniet "che ama gli emarginati, anarchico, trasgressivo, anticapitalista... E' tanto anticonformista e dissacrante - spiega - quanto assetato di spiritualità, di bellezza e purezza, in balìa di spiriti e di contraddizioni". L'assonanza con Pasolini, "per quanto riguarda la figura del Cristo" e poi quelle sue Madonne, "che traggono ispirazione dalla tradizione bizantina, prima di Giotto... La sua è una ricerca spirituale vera e propria, zeppa di simbolismi". E la scrittrice Emiliana Petti: "I paesaggi... le cupole, le chiese accendono la luce dell'anima, emanano quella profonda sacralità che ogni fede promette...". E' questo il lascito "di un artista oltre il suo tempo". 

Serena Giannico

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1514

Condividi l'Articolo