Paglieta. Rassegna di cori folkloristici con presentazione dell'inno cittadino
GUARDA LE FOTO

Serata all’insegna della tradizione, con canti e balli. La XII rassegna di "Cori folcloristici abruzzesi" si è svolta, a Paglieta (Ch),  nell’ambito delle feste patronali. Un tripudio di applausi per la poetessa Vinia Mantini, di Ortona (Ch), salita sul palco per tenere a battesimo, alla presenza del sindaco di Paglieta, Ernesto Graziani, "La Principèss a lu Sangre", il nuovo inno cittadino, da lei composto e musicato dal maestro Panfilo Di Matteo, che dirige il coro "San Giusto Martire" di Paglieta, del quale è presidente Romeo Di Florio. Ad acccompagnare il gruppo, alla fisarmonica, Mario Di Matteo.

L’iniziativa, promossa dal coro "San Giusto Martire" insieme con l'amministrazione comunale, ha inoltre visto l’esibizione di quattro cori, che hanno regalato al pubblico emozioni. Ad impreziosire la rassegna, la partecipazione della Banda Città  di Paglieta, nata nel 2012, composta da 23 elementi, con la loro mascotte, Nicola De Ritis. Il corteo di gruppi corali, oltre 150 elementi, rigorosamente  con addosso  abiti  tradizionali,  è stato accompagnato dalla locale banda fino a Piazza Roma, con una sosta in piazza Martiri Lancianesi, dove i musicisti hanno eseguito l’inno di Mameli, proprio dinanzi al monumento dei caduti.  A condurre la manifestazione, Franco D’Alonzo.

Sul palco, dopo il coro di San Giusto Martire, "Le Voci di Fiorinvalle" di Terra D’Oro, direttrice Maria Ester Flacco; "Gli Amici del Canto" di Filetto, direttore Raffaele Di Nanno ed infine il coro "Città di Montesilvano", diretto da Gianfranco Onesti.

Mantini è stata premiata, con una targa, dal primo cittadino che si è complimentata con lei.  Che commossa ha spiegato: "Ho da sempre visto questa piazza come una principessa, così è nata la canzone dedicata a Paglieta e la sua gente". 

Linda Caravaggio

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 731

Condividi l'Articolo