Lanciano. L'arciconfraternita 'Morte e Orazione San Filippo Neri' sfila a Matera
GUARDA LE FOTO

Un evento storico: l’arciconfraternita “Morte e Orazione San Filippo Neri” di Lanciano (Ch) sfilerà nel centro storico di Matera. Sarà la protagonista assoluta insieme a 200 confraternite italiane del XXVI° Cammino di Fraternità in programma nel fine settimana, il 15 e 16 giugno prossimi.

Dai 3 ai 94 anni, saranno circa 120 i confratelli e le consorelle (per un totale previsto di circa 9 mila persone da tutta Italia), a presentarsi nella suggestiva cornice dei sassi della città della Basilicata.

Quasi verrebbe da dire che “se la Maometto non va alla montagna è la montagna che va da Maometto”: sì perché Matera è la capitale della cultura 2019, capitale per la quale ha concorso lo scorso anno anche Lanciano, che adesso va alla da “Maometto”, stavolta in una veste tradizionale, storica, culturale.

“Per noi è un evento unico” ha dichiarato il priore Raffaele Sabella, “ci ritroveremo domenica mattina in una maestosa processione, fuori dal centro storico di Matera a sfilare”. E come di consueto, vista la tradizione del Giovedì Santo a Lanciano, la processione degli incappucciati, sarà lo stesso priore a scegliere la persona che vestirà i panni del Cireneo, figura di prestigio perché si accolla la croce di Gesù nel cammino del Golgota.

Per l’arciconfraternita è un altro traguardo che si aggiunge ad un precedente rilevante, cioè quello come raccontato dal confratello Augusto Sardellone di “aver diretto la grande adunata delle confraternite che si svolse a Roma, pochi mesi dopo l’elezione sul soglio pontificio di Papa Francesco. Eravamo in centomila. Un’esperienza unica”.

Per l’occasione, vista la visibilità data alla città di Lanciano, saranno presenti a Matera il sindaco Mario Pupillo e l’assessore alla Cultura Marusca Miscia.

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 629

Condividi l'Articolo