Cinema. Vince Federico Francioni il premio miglior regia al Torino Film Festival
GUARDA LE FOTO

Federico Francioni ha vinto il premio per Miglior Film a Rue Garibaldi nella sezione documentari. Il regista, nato a Campobasso nel 1988, qualche anno fa si è diplomato nella sede Abruzzo del Centro Sperimentale di Cinematografia e oggi ottiene un importante riconoscimento in uno dei festival più importanti del panorama cinematografico italiano.

Il premio è stato assegnato dalla  giuria del Torino Film Festival composta da Sara Fgaier, Annamaria Licciardello e Davide Maldi. Di seguito la motivazione del premio al film: "Per aver raccontato, con delicatezza, onestà e vicinanza, la storia di due persone, una sorella e un fratello, in un momento di definizione delle loro vite partecipando dei loro sogni e delle loro frustrazioni. Per averci fatto vivere il loro rapporto con il mondo esterno e la città lontana, pur restando chiusi all’interno dell’intimità del loro spazio domestico che diventa rifugio. Una Storia contemporanea, che ci riguarda tutti, fatta di origini che si intrecciano con un futuro da dover ancora scrivere".

Il documentario racconta la storia di Ines e Rafik, esistenze che vivono da poco in una periferia parigina di origini tunisine ma sono cresciuti in Sicilia. La loro esistenza è un movimento precario, fatto di interruzioni, cambiamenti e umiliazioni. Nella casa, l’uno è lo specchio dell’altro. Il tempo si dilata, la città si fa più lontana. E vivono in Rue Garibaldi.

"Mentre giro, mentre vivo con loro, mi chiedo dove stia andando questo film, che strada prenderà - dichiara il regista Federico Francioni - Le loro esistenze sono costantemente attraversate dalle traiettorie più disparate: questioni di lavoro, di precarietà, di identità, di una ricerca di senso. Sono fratelli, amanti, una famiglia, sono ancora adolescenti e già adulti, a volte quasi bambini. Provo ad essere pronto, ma sono in balìa degli imprevisti; cerco la giusta distanza. I confini mi sfuggono, ma non riesco a smettere di osservare questi due fratelli, di partecipare alla loro umanità, a questo momento di passaggio che faticosamente sta avvenendo", conclude il regista a proposito della sua esperienza con i due protagonisti. 7 dic. '21

Massimiliano Brutti

@RIPRODUZIONE VIETATA

 

totale visualizzazioni: 121

Condividi l'Articolo