GUARDA LE FOTO

Alto circa 4 metri e largo 5, queste le misure del dipinto che raffigura Silvio Spaventa, a 200 anni dalla nascita del politico, patriota e senatore del Regno d'Italia. Che ha visto la luce a Bomba (Ch) il 12 maggio 1822 e che è morto a Roma il 20 giugno 1893.

Il dipinto è stato realizzato da Sullivan Perry, artista londinese che da tempo ha scelto Bomba come sua nuova dimora. Il politico è stato raffigurato nella sua iconica posa autoritaria, con uno stile pop, colori vivaci, su uno sfondo rosso, quasi a ricordare le numerose lotte affrontate.

Condannato a morte per aver sostenuto il generale Guglielmo Pepe nella lotta nata dalla revoca della Costituzione da parte di Ferdinado II Borbone il 15 maggio del 1848, la pena venne commutata in ergastolo e poi in esilio perpetuo. Oggi, al contrario, è unanime il consenso nei suoi confronti per l'apporto alla nascita della nostra nazione, sviluppatasi anche e soprattutto grazie ai suoi ideali di uguaglianza sociale e parità di diritti.

Perry era stato già incaricato dal Comune di Bomba della realizzazione di un altro murale su Gianfranco Gorgoni, fotografo di fama internazionale, di origini bombesi, deceduto pochi anni fa.

"Quando Perry Sullivan ci ha proposto la sua idea di murale - fa presente Raffaele Nasuti, sindaco di Bomba - abbiamo subito condiviso e sottoscritto il patto di collaborazione con lui. Nell'anno della celebrazione del 200esimo dalla nascita di Spaventa ci è sembrato naturale accogliere un interpretazione artistica contemporanea del nostro illustre concittadino."

L'opera è situata in via Sangritana, all'inizio del paese venendo da Tornareccio, e si affaccia sulla Majella, la stessa che il giovane patriota avrà visto dalla sua abitazione di Bomba per lunghi anni... Ora un ritorno a casa simbolico, che onora Spaventa e il borgo che gli ha dato i natali. 13 mag. '22

MASSIMILIANO BRUTTI

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 290

Condividi l'Articolo