Visitatori e appassionati nel borgo di Bomba (Ch) il 15 e 16 ottobre scorsi per il "Gianfranco Gorgoni Fest", alla prima edizione. Evento organizzato, dall'associazione NaturArte in collaborazione con il Comune, per cleebrare Gianfranco Gorgoni, fotografo di fama mondiale. 

Ci sono stati incontri, con esperti e amici, anche d’infanzia, di Gorgoni, scomparso nel 2019, che hanno dipinto, con relazioni, aneddoti e racconti inediti, la figura di uno dei fotografi più importanti del mondo. Ci sono stati momenti di intrattenimento, come il coinvolgente concerto di musiche da film della Ancestral Chamber Music, e una passeggiata per le vie del paese, dove sono stati installati pannelli che riportano i momenti salienti della vita di Gorgoni. Centro storico che è punteggiato da luoghi d'infanzia dell'artista: la casa dei nonni, dai quali è stato tirato su, dato che la mamma è morta giovanissima; i vicoli dove giocava a nascondino e dove andava in esplorazione con i compagni; gli scorci che ha immortalato fotografando la figlia Maja da piccola. E poi un contest fotografico con tema "Majella Madre".

“Ringrazio l’organizzazione, compreso il Comune, - ha detto Maja Gorgoni -, nella speranza che questa iniziativa negli anni possa proseguire e continuare a crescere”.

“L’idea - ha aggiunto Massimiliano Brutti, direttore artistico del Festival - è di rendere onore a Gorgoni e di creare un appuntamento che accresca, partendo dall’Abruzzo, la passione per la fotografia”. 27 ott. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1083

Condividi l'Articolo