Abruzzo. Al via le riprese del film 'Troppa famiglia' del regista Pierluigi Di Lallo

L'attesa è per il primo "ciak". Al via, nei prossimi giorni, in Abruzzo, nel borgo di Rapino (Ch), ai piedi della Maiella, le riprese del film "Troppa Famiglia", diretto dal regista Pierluigi Di Lallo e prodotto dalla GattoFilm.

Cast di prim'ordine, a cominciare da Antonello Fassari e Ricky Menphis. E poi Alessandro Tiberi, Ketty Felletti, Daniela Giordano, Pietro Santercole (nipote di Gino), Federico Perrotta, Riccardo Graziosi, Rocio Munoz, Claudia Potenza.

Dal 19 ottobre si girerà nel piccolo comune teatino, che per un mese diventerà un set naturale, con i suoi vicoli e scorci. Ma, della pellicola, saranno protagoniste anche Chieti e la Costa dei trabocchi. Oggi a Pescara la presentazione del progetto, da parte dell'assessore al Turismo e alla Cultura e con delega alla Film Commission d'Abruzzo, Mauro Febbo; dell'assessore al Territorio, Nicola Campitelli; del produttore di GattoFilm, Alessandro Gatto; del regista Di Lallo, di alcuni attori e del sindaco di Rapino, Rocco Micucci.

"Iniziamo - ha detto Febbo - a concretizzare quello su cui abbiamo lavorato, considerando che ci siamo fermati per la pandemia, dopo essere tornati da Hollywood con grandi risultati. Stiamo iniziando un percorso importante per l'Abruzzo Film Commission: crediamo che tramite questo strumento la regione possa esaltare e far conoscere le sue bellezze. Questo era un tassello che mancava".

"Un film è strumento di comunicazione che arriva al cuore dei cittadini - ha detto Campitelli -.  Serve non solo per valorizzare il territorio, ma anche per educare a tematiche ambientali come l'economia circolare".

"Questo lavoro - ha aggiunto Gatto - si svolge in una regione ideale per me, per girare, perché in mezz'ora si può andare dal mare alla montagna. Una location importante nell'ambito di un progetto che, in futuro, vedrà portare film nazionali ed internazionali in questa regione con l'obiettivo di farla conoscere il più possibile". Di Lallo, di Rocca San Giovanni (Ch), ha sottolineato la valenza dell'iniziativa. "Abbiamo un cast di valore, ma voglio ringraziare il sindaco di Rapino perché trovare una sinergia così importante non era facile. Gli attori li abbiamo voluti fortemente e non hanno bisogno di presentazioni. Questa è terra ancora da scoprire a livello cinematografico e tanto può dare". Si racconta la storia di una famiglia abruzzese allargata, con tre figli, all'inizio dell'emergenza Covid 19. 

Il sindaco Micucci: "Viviamo con serenità, pazienza, collaborazione e meraviglia questa esperienza. Poi ci godremo anche l'attesa per vederlo sul grande schermo". 

Le riprese saranno effettuate seguendo un rigido protocollo anti-coronavirus, come ha sottolineato, con una battuta, Ricky Memphis: "Aho! Siamo più tamponati noi che na 850!"  17 ott. 2020

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1219

Condividi l'Articolo