Sono oltre 40 gli ettari di vegetazione che, secondo i vigili del fuoco, sono bruciati ad Atessa (Ch), nella zona di San Pasquale, in uno dei valloni sottostanti il centro storico e la provinciale per Tornareccio, chiusa al traffico e lambita, questa mattina, in più punti dalle fiamme. Bruciati bosco, macchia mediterranea e pini. L'incendio, di natura dolosa, con quattro inneschi trovati dalle forze dell'ordine, è stato appiccato ieri prima delle 20. Intorno alle 2 di notte il rogo sembrava essere circoscritto; invece a mano a mano, a causa di forti folate di vento, ha ripreso vigore e violenza. 

Sul posto, per domare le fiamme, altissime e minacciose, che avanzavano verso le case, si sono alternate squadre dei vigili del fuoco di Casoli, Chieti e Pescara, dei volontari dei vigili del fuoco di Gissi, dei carabinieri di Atessa, dei carabinieri forestali, della Protezione civile di Atessa, San Salvo, Vasto, Archi, Villa Santa Maria e Montazzoli, della polizia municipale. Sul posto tutta l'amministrazione comunale, capitanata dal sindaco Giulio Borrelli e tanti cittadini preoccupati. Intervenuti i Dos (Direttori delle operazioni di spegnimento) dei vigili del fuoco Claudio Minnucci, da Chieti, e Giuseppe Rapagna, di Pescara. In volo due canadair - uno è poi dovuto rientrare a Roma - e un elicottero dei vigili del fuoco di Pescara. Video a cura di Serena Giannico.

10 settembre 2017

LEGGI LA NOTIZIA

@ RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 5226

Condividi l'Articolo