Torino di Sangro. Ladri irrompono in villa per rubare... 10 euro dal salvadanaio
GUARDA LE FOTO

Mettono a soqquadro una villetta al mare per rubare i risparmi di una bimba contenuti in un salvadanaio. E' stato un bruttissimo rientro a casa, a Torino di Sangro (Ch), per A.M. e D.S. , sposi trentenni, . Assenti per impegni lavorativi durante questa settimana, ieri pomeriggio la terribile scoperta. L’edificio, situato in località Borgata Marina, è stato "visitato" dai ladri che hanno messo sottosopra sia il primo piano che quello situato al piano terra. Hanno buttato tutto all'aria. 

Mercoledì scorso i familiari della  coppia sono stati nell’abitazione, ma non hanno trovato nulla di strano. I malviventi hanno quasi certamente agito fra giovedì e venerdì mattina perché i proprietari sono stati assenti da lunedì, in trasferta a L’Aquila. I ladri si sono scatenati: probabilmente col classico piede di porco hanno divelto la porta di ingresso e poi rovistato in tutte le stanze; hanno aperto tutti i cassetti, sparso tutta la biancheria e i vestiti a terra. Nulla è stato lasciato intentato: è stata utilizzata anche una scala per salire nel soppalco interno e cercare anche lì. 

Non trovando ciò che cercavano, probabilmente gioielli, i ladri si sono impossessati poi di un paio di orecchini di perle selezionati fra la bigiotteria e dei piccoli risparmi della piccina di casa: hanno aperto il salvadanaio e rubato i 10 euro in esso custoditi.

Comodamente sono poi scesi al piano terra anche qui a caccia di oro: come sopra, cassetti e armadi in disordine. Non è stato trovato nulla di appetibile. 

Alcuni giorni fa in un appartamento vicino alla chiesa di San Michele, sempre a Borgata Marina, i ladri hanno effettuato un altro furto: questa volta il colpo è andato a segno. Mentre una coppia di turisti si godeva beatamente, in spiaggia, sole e ferie, i ladri sono riusciti ad introdursi nell’abitazione e a rubare danaro e preziosi.

Sui due episodi sono intervenuti i carabinieri della stazione di Torino di Sangro per i rilevi di legge.

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 3447

Condividi l'Articolo