Terremoto 2009 L'Aquila. Ecco il 'Fiore della Memoria'  - VIDEO
GUARDA LE FOTO

E' un croco di colore viola, raffigurato su una spilla che verrà distribuita gratuitamente, il simbolo individuato dal Comune dell’Aquila per ricordare le vittime del sisma del 6 aprile 2009.

Il "Fiore della Memoria" potrà essere indossato nel periodo delle celebrazioni e ricorrenze che si svolgeranno per "quanti sono morti - spiega il sindaco dell'Aquila, Pierluigi Biondi - a seguito di un evento che ha segnato la storia del territorio".

A presentarlo, questa mattina, è stato proprio il primo cittadino, insieme al sindaco di Pizzoli e coordinatore dei sindaci del cratere 2009, Gianni Anastasio; al sindaco di Fossa, Fabrizio Boccabella, in rappresentanza degli altri centri colpiti dal terremoto tredici anni fa; il prefetto dell’Aquila, Cinzia Teresa Torraco; i rappresentanti dei familiari delle vittime e della Diocesi e della casa famiglia "Immacolata concezione" di San Gregorio.

"In questa giornata, Antonietta Centofanti, avrebbe compiuto gli anni ed è a lei che dedichiamo questa iniziativa e un pensiero commosso, essendo stata l’anima di battaglie e iniziative per mantenere vivo il ricordo del nostro dramma – ha esordito Biondi -. Da tempo riflettevamo su quanta forza comunicativa - in termini di sentimento, di memoria, di appartenenza, di identità - ci può essere in una spilla di materiale povero, come nel caso del "red poppy", il papavero rosso che l’intero Regno Unito indossa intorno all’11 novembre di ogni anno, a partire dal 1921, in coincidenza con il Remembrance day, per ricordare chi diede la vita per la Patria e per riflettere sulla barbarie delle guerre. Nell’occasione, milioni di queste spille vengono vendute ad ogni angolo delle città da volontari e anche da soldati, allo scopo di raccogliere fondi destinati al sostegno economico (e spesso anche psicologico) delle famiglie dei caduti in guerra. Una riflessione che ci ha portato a concretizzare l’idea - rispettosamente condivisa con i parenti delle vittime - di un "Fiore della memoria" e a individuarlo nel croco, il fiore dello zafferano".

"Un fiore resistente - ha proseguito Biondi - tenace come la nostra terra, come la nostra gente. Un fiore che porta in sé il germe della vita, con i suoi preziosi pistilli, fonte di lavoro e di benessere. Una spilla che è un cameo di quel grande memoriale che è L’Aquila, teatro di dolore e di rinascita, che contiene in sé la sofferenza di tutte le vittime dei disastri italiani (così come ha sempre voluto la cara e indimenticata Antonietta Centofanti) e oggi, di tutte le vite spezzate in Ucraina da una feroce guerra di aggressione".

"Mi auguro che - indossato anche negli anni a venire - rimanga il simbolo di una tragedia e di una rinascita, di una comunità dispersa e ritrovata, di una terra oltraggiata e riscattata: un fiore simbolo della rifioritura della vita in ogni parte del mondo toccata dal male, dalla sofferenza, dall’ingiustizia".

Biondi ha idealmente consegnato la spilla all’intera città e personalmente invitato, provvedendo al recapito, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella; il presidente del Consiglio, Mario Draghi, e i presidenti del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, e della Camera, Roberto Fico, a indossarla il prossimo 6 aprile.

La distribuzione delle spille, realizzata in alcune decine di migliaia, è iniziata nelle scuole di ogni ordine e grado della città. Il Fiore sarà, inoltre, disponibile, gratuitamente, in tutte le tabaccherie aderenti al circuito Fit mentre una parte sarà consegnata ai partecipanti alla fiaccolata della sera del 5 aprile.  01 apr. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 675

Condividi l'Articolo