Coronavirus. Un decesso a Casoli. Positivi in aumento a San Vito, Fossacesia e Santa Maria Imbaro

Salgono i contagi e si continua ancora a morire per Covid-19.

Il bollettino dei casi registrati nel Chietino, ci consegna un’amara realtà, con la variante inglese molto più contagiosa. Nelle scorse ore, a causa del coronavirus è deceduto T.Ra., 74enne di Casoli (Ch), che lascia la moglie  Rosa Maria e i figli, Nando e Loris. L'uomo, che era molto conosciuto, è spirato all’ospedale "Santissima Annunziata" di Chieti, dove era ricoverato. L’estremo saluto, oggi pomeriggio nella chiesa di Santa Reparata. Parole commosse dal primo cittadino di Casoli, Massimo Tiberini: "Una triste notizia che non avremmo mai voluto ricevere - commenta sui social -: un altro nostro caro concittadino è purtroppo venuto a mancare, dopo aver combattuto contro questo nemico invisibile che da un anno ha dichiarato guerra all’intera umanità. Era persona conosciuta e amata da tutti, e il cordoglio mio e di tutta la comunità si accompagna ad un sentimento di dolore e di profondo sconcerto che mi inducono ad rivolgervi un appello ancora più accorato: restiamo uniti, rafforziamo la nostra difesa contro il virus con comportamenti conformi alle regole note a tutti, cerchiamo di assolvere in ogni contesto il nostro dovere di solidarietà sociale". A Casoli, al momento, ci sono 43 positivi. 

Sulla stella linea è Fossacesia, in cui numero dei contagi è arrivato a 47. San Vito Chietino fa registrare un picco di 40 contagiati, "con sintoni influenzali lievi o assenza di sintomi, restano  tutti in isolamento domiciliare", come spiega il primo cittadino Emiliano Bozzelli. Ad aver contratto l'infezione anche una bimba iscritta alla scuola dell'infanzia, che non frequenta dal 5 marzo. "Pertanto, dopo le opportune sanificazioni, l'asilo è rimasto aperto". 

Nemmeno a  Santa Maria Imbaro la situazione coronavirus è delle migliori, con intere famiglie contagiate: sono 25 i positivi e il paese è tra quelli sotto speciale osservazione.  Un pensionato era morto proprio qualche giorno fa. "Ad oggi -dichiara la sindaca, Maria Giulia Di Nunzio - i contagi non accennano a diminuire e, come da ordinanza del presidente della Regionenumero 13 dello scorso 5 marzo, confermata dall’ordinanza numero 15 del 12 marzo, da un comunicato ufficiale della Asl e, in seguito, alla riunione al Tavolo interistituzionale tenutasi in modalità di videoconferenza, il nostro Comune insieme ad altri limitrofi è sotto sorveglianza particolare per la valutazione di ulteriori restrizioni. Per ciò - prosegue - si è ritenuto opportuno organizzare un ulteriore screening di massa per il prossimo fine settimana, il 20 e il 21 marzo, che si effettuerà presso il Centro diurno minori del Comune, dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.30. Dobbiamo continuare a rispettare in modo meticoloso tutte le misure di contenimento e ad usare massima responsabilità".   15 mar. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 6248

Condividi l'Articolo