Segregata da fratello e cognata per 22 anni... Ora liberata dai carabinieri: succede in Molise

Parenti... serpenti... L'hanno accolta in casa, fingendo cortesia e solidarietà, e l'hanno rinchiusa e segregata in una stanza per 22 anni.

Carta in Risme A4 al prezzo più basso online

Ann. Carta per fotocopie al prezzo più basso

Apri

E' successo in un minuscolo centro della provincia di Campobasso, a Casalciprano. Ora la donna è stata liberata dai carabinieri. I suoi aguzzini sono stati il fratello e la cognata. E' cominciata nel 1995 quando la donna, allora giovane, rimase vedova e per stare da sola, accolse l’invito del fratello di ospitarla, mettendole a disposizione una stanza. Dopo un po' l'ospite è  diventata, per i familiari, un peso insostenibile ed è stata costretta a spostarsi in una camera ricavata accanto alla legnaia: un tugurio senza riscaldamento. 

La stanza è accessibile mediante una scala a chiocciola esterna e viene dotata di un sistema di chiusura dall’esterno, che seppure rudimentale – uno spago resistente legato ad un chiodo ancorato sul muro – riesce nello scopo di impedire alla donna, oggi 67 anni, di uscire in assenza dei congiunti.

Non poteva lasciare quel posto, neppure per andare al cimitero a pregare sulla tomba del marito; poteva lavarsi nella vasca del bucato una volta al mese, ed era sorvegliata a vista e impossibilitata a muoversi. Subiva percosse e ceffoni.

Per anni non ha ricevuto cure mediche e solo sporadicamente veniva accompagnata da una parrucchiera. Non le è stato mai concesso di fare due chiacchiere con nessuno.

Una segnalazione, partita qualche mese fa, ha attivato i carabinieri di Bojano, guidati dal maggiore Edgar Pica, che hanno scoperchiato una situazione drammatica. Che la vittima, portata in caserma, ha confermato con estrema lucidità, raccontando i particolari, rassicurata dal fatto che non sarebbe più tornata in quel posto. La donna è stata quindi collocata in una struttura protetta e sottoposta alle cure necessarie. 12 set. 2022

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3714

Condividi l'Articolo