GUARDA LE FOTO
Schianto letale, al confine tra San Vito  e Rocca San Giovanni (Ch), in località Valle Grotte, tra un'automobile e un bus dell'azienda regionale di trasporto Tua. Nell'impatto, che si è verificato intorno alle 13.30 sulla statale 16, c'è stato un morto. Sul posto i carabinieri di Ortona (Ch) e i soccorritori con l'ambulanza. E' arrivato anche l'elicottero del 118 da Chieti ma non è servito: per l'uomo, che era alla guida di una Fiat 500 rossa, vecchio modello, non c'era già più niente da fare. Era già esanime sui sedili.

La vittima, Paolo Proscia, 74 anni, originario di Bologna, che viveva a Pescara e che stava spesso a Pollutri, nel Vastese, che è il paese d'origine della moglie, Lilli D'Agostino, procedeva in direzione di Pescara. Aveva appena ritirato la sua piccola utilitaria da un'officina di Pollutri e la stava portando a Pescara. La consorte, con la quale gestisce un bed and breakfast, gli stava dietro, lo seguiva su un'altra macchina. Il pullman, partito da Lanciano e che trasportava 14 dipendenti Sevel che avrebbero dovuto prendere servizio di lì a poco, andava, invece, verso la Val di Sangro, nella fabbrica del Ducato, ad Atessa. La vettura, dai primi accertamenti, ha sbandato, forse per il fondo stradale reso viscido dai fiocchi di neve e dalla pioggia, e, dopo qualche giravolta, ha invaso la corsia opposta, finendo contro e sotto l'autobus, che usciva da una semicurva, e distruggendosi. 

Proscia era molto conosciuto, anche a Rocca San Giovanni (Ch), dove il suocero, il medico Francesco D'Agostino, è stato sindaco e fondatore della Cantina Frentana. "D'estate stava sempre sulla spiaggia di località Cavalluccio", dice un suo amico, Emilio Pio Caravaggio. 

11 gennaio 2019

Foto dell'incidente di Andrea Franco Colacioppo. Cliccare su immagini per ingrandire. In basso anche la foto della vittima, Paolo Proscia

@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 9849

Condividi l'Articolo

Articoli correlati