Santa Maria Imbaro. Serra di marijuana in casa: denunciato. E per tre rom, dopo zuffa, divieto di tornare a Mozzagrogna

Serra attrezzata e funzionale nel dietro cucina per produrre marijuana in modo abusivo ed illegale.

Nell’ambito di un servizio territoriale predisposto dal vice questore Lucia D’Agostino, la polizia di Lanciano ha denunciato P.A., 40 anni, di Santa Maria Imbaro, presuntivamente accusato di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti. Nell’abitazione dell’uomo gli agenti hanno infatti scoperto e sequestrato otto piante di cannabis indica, alte quasi un metro.

Nella stanza l’indagato ha ricreato un vero e proprio habitat artificiale per la coltivazione di stupefacenti, con lampade per mantenere la temperatura e altre attrezzature, oltre a specifici fertilizzanti.

Nel frattempo il questore  di Chieti Ruggiero Borzacchiello ha disposto misure di prevenzione del divieto di far ritorno nel comune di Mozzagrogna (Ch) per tre anni a D.R.V. , D.R.O., D.R.P. D.R. F., tutti componenti di una famiglia di etnia rom di Lanciano. Questi erano stati coinvolti di recente in una rissa scaturita per futili motivi davanti a un bar. Utilizzata anche una spranga. Tutto è partito per una gomma a terra dell’auto di un rom, scontento poi che un avventore del bar gli abbia fornito una chiave non adatta al suo pneumatico. Entrambi sono rimasti feriti e medicati in ospedale riportando prognosi di 20 e 30 giorni. Sulla vicenda penale indagano i carabinieri di Fossacesia e compagnia di Ortona. 

Walter Berghella

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3869

Condividi l'Articolo