San Vito. Inquinamento fiume Feltrino: sequestrati discarica abusiva e pozzo acque nere Sasi
GUARDA LE FOTO

Inquinamento del torrente Feltrino: la Capitaneria di porto di Ortona lancia l’operazione "Fiumi sicuri" e sequestra una discarica abusiva, su una proprietà privata, e un pozzo di acque nere della Sasi, in territorio di San Vito (Ch). L’iniziativa è coordinata dalla Procura di Lanciano. In entrambi gli interventi la Guardia costiera ha denunciato i responsabili. Sul  terreno privato, di mille metri quadri, erano ammassati tanti rifiuti, anche pericolosi. In particolare, sono stati rinvenuti innumerevoli cataste di materiali a pochi metri dal corso d'acqua: tra questi macerie derivanti dall’edilizia, carcasse di veicoli, pneumatici dismessi, rottami ferrosi, pezzi di amianto e una carcassa di un vecchio camion.

Quanto al pozzo di acque nere, profondo un metro e mezzo, era riconducibile a una condotta fognaria rotta da tempo  e di proprietà della Sasi di Lanciano, l’ente gestore del servizio di depurazione del Chietino. La Capitaneria  ha puntato l’attenzione sul fiume Feltrino, che fino a pochi anni fa era una cloaca, per contrastare il fenomerno degli scarichi inquinanti in acque fluviali, e quindi in mare. L’operazione si è avvalsa della verifica di alcuni siti sospetti, pure nascosti nella fitta vegetazione, rilevati direttamente con l’ausilio dei sistemi satellitari.

Walter Berghella 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 1563

Condividi l'Articolo