Ricerche a Paglieta, Lanciano e a Mozzagrogna. Nessuna traccia del 64enne scomparso

Sono proseguite tutto il giorno le ricerche del 64enne scomparso l'altro ieri dalla propria abitazione di Paglieta (Ch). Ma dell'uomo nessuna traccia. 

Ettore Di Lallo, malato psichico, è sparito, dopo aver lasciato casa per andarsi a sedere sul muretto dove abitualmente trascorre buona parte delle giornate di sole. Quando la cognata lo ha chiamato, come sempre, per il pranzo, non era più al solito posto. Dopo la denuncia dei familiari in caserma, sono scattate le ricerche, coordinate dal Comando compagnia dei carabinieri di Atessa e in particolare dal capitano Alfonso Venturi. Esse sono andate avanti tutta la scorsa notte, per l'intera giornata di oggi e, grazie al drone termico dei vigili del fuoco, proseguiranno anche col buio.  

Impegnati, sul campo, i carabinieri, anche con i cani molecolari; squadre di volontari della Protezione civile e i vigili del fuoco. Scandagliate, questa mattina, tutta contrada Prangiarella, dove Di Lallo vive, e le zone limitrofe. Poi è stata passata al setaccio, con puntata anche nei fossati e nella boscaglia, la strada che ogni tanto percorre: quella che va verso Mozzagrogna. E' intervenuto anche un elicottero, che ha perlustrato l'area dall'alto. 

Ricerche, con esito negativo, pure a Lanciano perché c'è un testimone che è certo di averlo incrociato, l'altro ieri, al centro commerciale "Oasi". Qui è stata mobilitata la polizia municipale ed è stata disposta anche l'affissione di volantini, con la foto di Di Lallo, sulle vetrine dei negozi. 

Lui è un "buon camminatore", nonostante l'andatura dinoccolante, e potrebbe anche essersi allontanato a piedi. Ma non è escluso che abbia preso un autobus per spostarsi. Non ha soldi con sé e non ha neppure un cellulare. 

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 3020

Condividi l'Articolo