Montesilvano. Sequestrati pitbull: uno morto, due gravemente denutriti
GUARDA LE FOTO

Tre esemplari di pitbull sono stati sequestrati dai carabinieri forestali di Pescara a Montesilvano (Pe), zona Colle. Contestualmente, i militari hanno denunciato un 22enne di Pescara, proprietario degli animali, per maltrattamento.

I cani, scheletrici (vedi foto), erano detenuti in aperta campagna, ciascuno legato con una catena a un picchetto metallico piantato a terra, che non permetteva loro di muoversi liberamente.

Inoltre i cani erano sottoposti a sevizie o, comunque, versavano in condizioni di sofferenza, tanto che uno di loro era morto e gli altri due erano in forte deperimento. La delegazione abruzzese dell’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali ) ha segnalato la situazione ai forestali, che hanno deciso di intervenire.

Il cane deceduto è stato trovato sotto terra in una buca scavata da poco, mentre per sequestrare uno degli esemplari ancora in vita è stato necessario recarsi in una clinica veterinaria di Città Sant’Angelo (Pe), dove l’animale era stato portato a causa delle sua cattive condizioni di salute.

I due pitbull sono stati dati in custodia al canile sanitario comunale, mentre la carcassa del terzo animale è stata consegnata all’Istituto zootecnico sperimentale per l’Abruzzo e il Molise – Izsam di Pescara, per effettuare la necroscopia che ha poi confermato il suo grave stato di denutrizione.

Il comandante dei carabinieri forestali di Pescara, Giampiero Costantini, dice: “Viste le conseguenze del maltrattamento, siamo soddisfatti per aver recuperato i due cani ancora vivi. Con il Cites, che si occupa istituzionalmente anche della prevenzione e della repressione dei reati compiuti in danno degli animali, stiamo intensificando i controlli affinché tali casi, ancora presenti, non abbiano più a ripetersi".

@RIPRODUZIONE VIETATA

 
totale visualizzazioni: 3298

Condividi l'Articolo