Pescara. Finanza sequestra oltre un milione di giochi pericolosi made in Cina

Sono per la maggior parte giochi per cui i bimbi vanno pazzi: dalle bamboline componibili dentro sfere coloratissime di plastica, Ie Lol, alle plastiline modellabili. Li vendevano a prezzi irrisori, anche perché illegali, privi di certificazioni o copie degli originali. Più di un milione 200mila giocattoli sequestrati per un valore di circa 5 milioni di euro e cinque denunciati, quattro cinesi e un bengalese, per contraffazione di marchi e frode in commercio; nove tra italiani e cinesi i segnalati alle rispettive Camere di Commercio, colpiti da sanzioni amministrative per 225 mila euro: sono i risultati di un'operazione svolta dai finanzieri di Pescara. Le indagini risalgono al maggio scorso, quando le Fiamme gialle hanno effettuato un controllo in un negozio di un cinese nell'area di Pescara, sequestrando 450 articoli fra cui pasta argillosa modellante, chiamata 'Funny Gummy' e da cui ha preso il nome l'operazione: su di essa non c'era alcuna indicazione della composizione chimica ed è ritenuta a rischio per i più piccoli, in quanto morbida e quindi facile da ingerire. A seguire sono stati stanati diversi punti di distribuzione di giochi pericolosi in vari depositi di Abruzzo, Campania, Lazio e Puglia, oggetti importati anche direttamente dalla Repubblica Popolare Cinese. Verifiche hanno toccato Pescara, Napoli, Roma, Poggiomarino (Napoli), Modugno (Bari) e Alba Adriatica (Teramo).

17 luglio 2018
 
@RIPRODUZIONE VIETATA
totale visualizzazioni: 434

Condividi l'Articolo