Paglieta. Trovato morto in un fossato il 64enne scomparso martedì scorso
GUARDA LE FOTO

E' stato trovato morto questa mattina, intorno alle 9.30, in un fossato, tra canne, rovi ed ulivi, a circa 150 metri da casa, il 64enne scomparso martedì scorso da Paglieta (Ch). 

L'uomo, che sarebbe scivolato nel dirupo, era riverso, senza vita, tra la vegetazione, in posizione supina. Era adagiato un canalone che d'estate non contiene acqua. Si sono concluse nel peggiore dei modi, quindi, le ricerche di Ettore Di Lallo, da tutti chiamato Ettorino, malato psichico, che cinque giorni fa era si era allontanato da casa, situata in contrada Prangiarella, facendo perdere le proprie tracce. Quello è un posto dove lui usava avventurarsi in passeggiate: potrebbe essere scivolato o aver avuto un malore. 

Il corpo è stato scovato dai vigili del fuoco di Chieti e di Bari e L'Aquila, impegnati nelle ricerche, anche di notte, con i droni termici ed un elicottero. Con loro i carabinieri, coordinati dal capitano di Atessa, Alfonso Venturi, che hanno sguinzagliato anche i cani molecolari, per battute diurne. Impegnati nelle ricerche, che si sono concentrate su Paglieta, Lanciano, Mozzagrogna e altre zone della Val di Sangro, anche vigili urbani e volontari di Protezione civile.

Il cadavere è già in avanzato stato di decomposizione. Il sostituto procuratore di Lanciano, Francesco Carusi, ha disposto l’autopsia,  che sarà eseguita, nei prossimi giorni, dal medico legale Domenico Angelucci. “Una tragedia – commenta il sindaco Ernesto Graziani -. Era benvoluto da tutti".

@RIPRODUZIONE VIETATA

Nelle foto Di Lallo e il luogo del ritrovamento del cadavere

totale visualizzazioni: 6224

Condividi l'Articolo