Lanciano. 'Rifiuti, pessimo cambio per l'indifferenziata': la protesta dei cittadini

"Ricevo numerose segnalazioni da parte di cittadini per il cambio programma attuato per la raccolta differenziata. Proprio non va".

E' Renato Settembrini, in qualità di portavoce del comitato di quartiere "La Marcianese che vorrei", di residente nonché ex consigliere comunale a Lanciano (Ch), a manifestare perplessità e critiche per la variazione intervenuta. Infatti "il nuovo calendario di ritiro e raccolta rifiuti urbani della partecipata Ecolan - dice - ha modificato la frequenza del ritiro della cosiddetta ‘indifferenziata’ in città, da una volta a settimana (è stato così fino al 31dicembre scorso) ad una volta ogni due settimane, il servizio è stato ciè dimezzato con l’anno nuovo. Tuttavia – rimarca Settembrini – è avvenuto all’improvviso, gli utenti tutti sono stati colti di sorpresa, inevitabilmente con ovvi disagi". E contrattempi.

Tanti cittadini si sono ritrovati con "il mastello grigio con l’immondizia indifferenziata prodotta per 15 giorni, in casa o nei bidoni condominiali, stracolmi senza possibilità di poterli svuotare". I maggiori disagi – fa notare – si avvertono nelle zone storiche, passando per il centro urbano con ovvi ed immaginabili problemi logistici e di spazi, disagio che diminuisce nelle periferie".

"Sostengo in pieno le famiglie che si lamentano, anche a brutto muso, evidenziando il modo con cui sono state fatte queste scelte. C’è stata una scarsissima informazione sul cambio frequenza in atto; non si evince da nessuna parte la possibilità di rivedere e rimodulare la scelta intrapresa; non si comprende se è un provvedimento solo della politica, solo della direzione Ecolan oppure di entrambi. Quindi, i cittadini/utenti infastiditi e irritati chiedono e me ne faccio portavoce una efficiente e preventiva comunicazione di eventuali cambiamenti di frequenza e ritiro in genere; vogliono capire le ragioni che hanno spinto a modificare il calendario; chiedono di prevedere una rivisitazione/rimodulazione del servizio".

Alessandro Di Matteo

@RIPRODUZIONE RISERVATA

totale visualizzazioni: 4485

Condividi l'Articolo