Lanciano. Ospedale 'Renzetti': bimba nasce dentro ascensore rimasto bloccato

Mentre la donna in pieno travaglio, viene trasferita in reparto per farla partorire, ecco che si blocca l'ascensore. Con le doglie in corso e le acque rotte, il nascituro non aspetta e viene alla luce lì, nel montacarichi.

E' successo questa mattina all'ospedale "Renzetti" di Lanciano (Ch). Sono circa le 10.30. La ragazza, di origini albanesi, 19 anni, al suo secondogenito, è appena arrivata con l'ambulanza del 118 e ha le contrazioni in atto. Breve visita al Pronto soccorso, tampone per il Covid. E poi via, costantemente assistita, verso Ostetricia. La stanno conducendo in Maternità, quando si verifica il guasto. Sul posto, allertati, arrivano i vigili del fuoco di Lanciano che si mettono al lavoro per risolvere il problema tecnico e ripristinare la funzionalità dell'ascensore, con puerpera, dottoressa e infermiera chiusi dentro. Sono momenti concitati. Di apprensione e preoccupazione. Un quarto d'ora col fiato sospeso. 

Mentre viene effettuato l'intervento, il piccolo decide di venire al mondo. Sono le 10.45. Fiocco rosa. E' una femminuccia e sta bene. Pesa 3 chili e 400 grammi. Sta bene anche la mamma. E riparte pure l'ascensore, quello del corpo centrale dell’ospedale, dove sono rimaste tutte intrappolate e dentro cui viene letteralmente "catapultata" l'ostetrica per il taglio del cordone ombelicale.

Gioia generale, soprattutto dei vigili del fuoco, soddisfatti di aver risolto una situazione che in quel momento si presentava critica, di piena emergenza.

"L’equipe sanitaria – dice la Asl - si è resa protagonista di un evento straordinario. Il fatto si è verificato dopo che in Pronto Soccorso è arrivata la donna in preda alle doglie. E’ stata presa in carico. Si è reso necessario l’utilizzo dell’ ascensore che nel tragitto si è bloccato, ma la bimba aveva urgenza di venire al mondo ed è avvenuto un parto precipitoso. Mamma e figlia ora sono felici, come gli operatori che hanno scritto il lieto fine in una situazione di urgenza e reale difficoltà. Hanno assistito la neo mamma Elisabetta Donatucci, le infermiere Alice Luciani e Sabrina Crognale, l’ostetrica Fulvia Baffoni, la pediatra Angiolina Nicodemo, la ginecologa Daniela Murgano e l'operatrice socio - sanitaria Lia Lanci". 27 genn. 2021

@RIPRODUZIONE VIETATA 

totale visualizzazioni: 8808

Condividi l'Articolo