Lanciano. Gli rubano foto dai social e la usano per accalappiare donne in siti di incontri. A processo il ladro... di immagini

Un anno fa una hostess dell’Allianz Stadium Juventus, a Torino, gli disegna sulla guancia il numero 33, maglia dell’attaccante - centrocampista Federico Bernardeschi.

Immagine che viene poi rubata dai profili del noto dj set Raffaele Di Nunzio, di Lanciano (Ch), in arte Jair, 42 anni fra una settimana. La foto sottratta dai social è divenuta un mezzo per accaparrare incontri galanti sui siti Tinder e Badoo a cui erano abbinati i nick name di Luca 46 e Maeco 45, tanto da indurre in errore gli utenti.

Dopo indagine della polizia postale, coordinata dal pm Serena Rossi, è stato rinviato a giudizio A.N., 41 anni, di Lanciano (Ch), sposato, difeso d’ufficio dall’avvocato Guerino Zulli. Con citazione diretta, la Procura di Lanciano ha fissato il processo al 23 aprile con le accuse di reato continuato di sostituzione di persona. 

Tutto si svolge durante il primo lockdown e fino a giugno scorso. Primavera da incubo per Raffele Jair che prova anche dissapori in famiglia. Difatti, tanto lui che la moglie ricevono da amiche diverse lo screenshot con la sua foto utilizzata per richiedere incontri, anche hot, con altre donne. Il contrattacco della vittima parte subito. D’accordo con la consorte  si iscrive sui siti fingendosi una ragazza e mette il “mi piace” sulla sua foto, aspettando che il "rapinatore" di identità si faccia vivo per un approccio. Ciò avviene e il dj riesce pure a farsi dare il numero di telefono. Si risale così alla identità del ladro... di immagini. C’è poi denuncia alla Polpost e legalmente, tramite l’avvocato Vittorio Orlando, Jair prova ad avviare una transazione per un risarcimento danni, poi saltato, poiché la sua vasta e inarrestabile attività artistica ne poteva risentire negativamente. Ora si è giunti al processo.

"Tutto accade all’improvviso - racconta al telefono Jair -. Un’ amica mi chiede se ero io quello della foto sui siti. Così mi sono trovato con una brutta avventura da chiarire e superare per la serenità in famiglia, avendo un bimbo piccolo, e ci sono riuscito. Un mese fa sono stato denunciato dall’imputato per minacce, proprio per la legale trattativa di risarcimento". Jair muove i primi passi a 16 anni come public relation man alla storica discoteca Wampum di Lanciano. Generazioni di giovani sono cresciuti con lui. Poi inizia ad organizzare eventi con ospiti di livello nazionale e fare animazione creando un’agenzia. 12 dic. 2020

Walter Berghella

@RIPRODUZIONE VIETATA

totale visualizzazioni: 4254

Condividi l'Articolo